Condividi

Bollette a 28 giorni: Tar congela rimborso fino a ottobre

Il Tribunale ha accolto il ricorso con cui Vodafone e Wind chiedevano, in sede cautelare, di sospendere l’obbligo di rimborso automatico che riguarda le bollette emesse dal 23 giugno scorso.

Bollette a 28 giorni: Tar congela rimborso fino a ottobre

L’obbligo di rimborso automatico per gli utenti di telefonia fissa relativo alle bollette a 28 giorni è stato congelato fino alla fine di ottobre. Di conseguenza, non partirà più ad aprile, come inizialmente previsto. Lo ha deciso il Tar pronunciandosi sui ricorsi presentati da Vodafone e Wind e rinviando alla trattazione di merito.

Il Tribunale amministrativo ha invece respinto con sentenza definitiva l’impugnazione della delibera Agcom che stabiliva il ritorno nella telefonia fissa alla fatturazione su base mensile. Peraltro, sul tema è intervenuto anche il legislatore, che con il decreto fiscale dell’anno scorso ha sancito lo stop definitivo alla fatturazione a 28 giorni. Entro fine mese il Tar si esprimerà anche sui ricorsi di Telecom e Fastweb.



Per ora, dunque, il tribunale ha accolto il ricorso con cui le società chiedevano, in sede cautelare, di sospendere l’obbligo di rimborso automatico che riguarda le bollette emesse dal 23 giugno scorso, data entro la quale secondo l’Autorità gli operatori avrebbero dovuto ritornare alla bollette su 30 giorni. La sospensione vale fino all’udienza di merito fissata per il 31 ottobre prossimo.

Il Tar, si legge nella decisione, ha stabilito “che sussistono le condizioni per sospendere la delibera impugnata nella parte che ha ad oggetto il pagamento degli importi corrispondenti al corrispettivo per il numero di giorni che, a partire dal 23 giugno 2017, non sono stati fruiti dagli utenti in termini di erogazione del servizio a causa del disallineamento fra ciclo di fatturazione quadrisettimanale e ciclo di fatturazione mensile”.

Commenta