Condividi

Bloomberg: 16 aziende italiane nell’indice sulla parità di genere

L’indice comprende 380 aziende provenienti da 44 paesi con una capitalizzazione di mercato complessiva di 14 trilioni di dollari.

Bloomberg: 16 aziende italiane nell’indice sulla parità di genere

Sono sedici le aziende Italiane inserite nel Bloomberg Gender-Equality Index 2021, l’indice che monitora le aziende sulla base delle politiche aziendali e delle iniziative intraprese a favore della parità di genere.

Quest’anno, tra le quasi 11.700 società quotate in borsa valutate sulla base dell’ampiezza dell’informativa e dei risultati sull’inclusione di genere, per il suo indice Bloomberg ha selezionato 380 società provenienti da 44 Paesi e appartenenti a 11 diversi settori produttivi. Questi gruppi, complessivamente, raggiungono una capitalizzazione di mercato pari a 14 trilioni di dollari.



L’indice di riferimento creato da Bloomberg misura l’uguaglianza di genere attraverso cinque pilastri: leadership femminile e programmi di sviluppo per talenti, uguaglianza retributiva e parità retributiva di genere, cultura inclusiva, politiche contro le molestie sessuali e cultura aziendale a favore delle donne.

Attraverso la divulgazione delle metriche di genere indicate dall’indice GEI, le aziende “promosse” si sono impegnate a fornire una visione completa dei loro investimenti a favore dell’uguaglianza di genere sia sul posto di lavoro che nelle comunità in cui operano.

Come detto, 16 delle 380 società inserite nell’indice di Bloomberg sulla parità di genere sono italiane. Parliamo di: A2a, Acea, Enel, FinecoBank, Hera, Intesa Sanpaolo, Iren, Leonardo, Mediobanca, Nexi, Poste Italiane, Snam, Stmicroelectronics, Terna, Tim e Unicredit.

Commenta