Azioni Puma, quotazioni del titolo PUM in Borsa

Tutto quello che c’è da sapere per rimanere aggiornati sul mercato finanziario. Informazioni, andamento e grafico in tempo reale sulle quotazioni in borsa dei maggiori titoli sui listini mondiali.

La Nazionale esulta
Puma sponsor della nazionale italiana di calcio

Codice ISIN: DE0006969603
Settore: Beni di consumo non durevoli
Industria: Abbigliamento/calzature


Le azioni di Puma sono quotate sull’indice Xetra alla Borsa di Francoforte con il ticker PUM.

Guarda lo storico della quotazione del titolo alla Borsa di Francoforte

Descrizione Azienda

Puma (o Puma SE) è un’azienda tedesca che opera nel settore dell’abbigliamento e equipaggiamento sportivo. Puma è una società di diritto europeo. Puma offre prodotti per calcio, running, basket, training, fitness, golf, motorsport e sportstyle.

Insieme alla Nike e Adidas è uno dei marchi più importanti nell’abbigliamento sportivo.

Puma è fornitrice tecnica di numerosi club e squadre nazionali di calcio tra le quali la Nazionale italiana, il Milan, il Manchester City e il Borussia Dortmund.

Dal 2010 Puma è proprietaria anche dell’azienda Cobra Golf, azienda americana produttrice di attrezzature sportive, specializzata sull’attrezzatura da golf.

L’azienda ha uffici aziendali in tutto il mondo e quattro “hub”: Boston, Massachusetts, Hong Kong, Città di Ho Chi Minh e la sede centrale a Herzogenaurach, Germania. Vende i suoi prodotti in oltre 80 nazioni.

Conta circa 14.332 impiegati.

Puma è quotata in Borsa dal 1986.

Il maggior azionista di Puma è il Groupe Artémis con il 29% e il gruppo Kering con il 16%.

Nel 2019 ha avuto un fatturato di 5,50 miliardi di euro con un utile netto di 262 milioni.

I maggiori profitti di Puma vengono realizzati in Europa e Medio Oriente con circa il 37% del valore, segue il Nord America con il 25% e la Cina con l’11,5%.

Le azioni Puma sono in costante ascesa. Attualmente le azioni sono scambiate a circa 101,55 euro.

Lo slogan è «Unleash your wild side».

Approfondimento economico e finanziario dell’azienda

Puma, è stata fondata nel 1924 a Herzogenaurach, con il nome Gebrüder Dassler Schuhfabrik, da Rudolf Dassler, fratello di Adolf Dassler, che fonderà successivamente l’Adidas. Rudolf si occupava della distribuzione e della parte gestionale mentre Adolf fabbricava le scarpe. Sin da subito ottennero grandi risultati.

Dopo la guerra, a causa di dissapori, i due fratelli scelsero di dividersi a metà l’azienda. Nacquerò così nel 1948 Puma e Adidas nel 1949.

Nel 1948 Puma crea la prima scarpa da calcio la “Atom”.

Nel 1958 introduce il suo logo sagomato.

Rudolf Dassler muore il 27 ottobre del 1974. I suoi figli Armin e Gerd ereditano l’azienda e dopo una disputa legale tra i due, Armin Dassler diventa il responsabile dell’azienda.

Nel 1986 Puma diventa una società per azioni; viene quotata come “Puma AG” alle Borse di Monaco e Francoforte.

Nel 1989 Armin e Gerd Dassler, decidono di vendere la loro quota del 72% in Puma all’azienda svizzera Cosa Liebermann SA.

Nel 1996 Puma viene quotata nell’indice tedesco M-DAX.

Puma, nel 2001, acquisisce l’azienda scandinava Tretorn.

Nel 2005 Mayfair Vermögensverwaltungsgesellschaft mbh acquisisce una partecipazione del 16,91% in Puma e nel 2006 viene inserita nel Dow Jones Sustainability Index.

Nel 2007 Puma entra a far parte del gruppo Kering (precedentemente chiamata Pinault-Printemps-Redoute, o PPR). Il gruppo francese guidato da François Pinault annuncia l’acquisto del 27% di Puma per circa 5,3 miliardi di euro. L’intenzione del gruppo è quello di comprare successivamente tutta l’azienda.

Nel 2010 compra Cobra Golf rinominandola Cobra Puma Golf. Decide di diventare un’azienda a emissioni zero.

Puma diventa una società europea con il nome di Puma SE nel 2011 e rileva l’azienda di abbigliamento e calzini Dobotex.

A maggio 2018 Kering decide di vendere le sue quote in Puma mantenendo direttamente il 16%. Il Groupe Artémis (società parallela di Kering) acquista il 29% delle azioni Puma.

Nel 2019 anche Artemis decide di ridurre la sua partecipazione in Puma annunciando che emetterà obbligazioni convertibili in azioni Puma entro il 2025 per un importo di 500 milioni di euro. Artemis rimarrà in possesso del 25% del capitale.

Puma ha avuto tra i più grandi testimonial dello sport: Diego Armando Maradona, Usain Bolt, Pelè, Johan Cruyff, Matthaus, Buffon, Neymar. Ha vestito la Nazionale italiana con cui si è laureata campione nel 2006 ed fornisce materiali ai team di F1 Scuderia Ferrari, Mercedes Amg Petronas, Red Bull Racing e di Motogp Ducati Corse.

Ha collaborato con il brand Hello Kitty per la creazione di una scarpa e con Fossil per creare il suo primo orologio da polso.

Le ultime notizie su Puma

Calcio, boom del mercato della sponsorizzazione tecnica: Puma guida l’assalto a Nike e Adidas

Secondo lo studio Repucom/Pr Marketing, il mercato dell’equipaggiamento sportivo ha raggiunto in Europa un giro d’affari da 390 milioni di euro nel 2013, pompato dall’assalto all’egemonia di Nike e Adidas a suon di contratti da record, come quello appena firmato da Puma con l’Arsenal – La Serie A è l’unica in controtendenza e le sue maglie sono le più care.

Puma e la Nazionale italiana di calcio insieme fino al 2018

Il marchio sportivo tedesco, di proprietà della holding del lusso francese Ppr, ha rafforzato e prolungato la sua partnership con la Figc: fino al 2018, anno dei Mondiali in Russia, sarà sponsor tecnico e licenzatario master – Puma punta a insidiare la leadership di Adidas e Nike nella fornitura sportiva.

Puma, un 2011 da record: vendite +12%

Il marchio sportivo, che fa capo al colosso del lusso francese Ppr, ha registrato un quarto trimestre dell’anno passato da primato storico: vendite in crescita in tutto il mondo (e per tutti i segmenti produttivi) e fatturato oltre i 3 miliardi di dollari.