Azioni Johnson & Johnson, quotazioni del titolo JNJ in Borsa

Tutto quello che c’è da sapere per rimanere aggiornati sul mercato finanziario. Informazioni, andamento e grafico in tempo reale sulle quotazioni in borsa dei maggiori titoli sui listini mondiali.

Vaccino Jonhson&Johnson
Vaccino Covid-19 Johnson & Johnson

Codice ISIN: US4781601046
Settore: Tecnologia sanitaria
Industria: Farmaci: principali


Le azioni di Johnson & Johnson (J&J) sono quotate all’indice NYSE di New York con il ticker JNJ.

Guarda lo storico della quotazione del titolo al NYSE

Descrizione Azienda

Johnson & Johnson (abbreviato J&J) è una multinazionale americana che opera nel settore farmaceutico. Produce farmaci, apparecchiature mediche e prodotti per la cura personale di shampoo e creme.
La sede centrale è a New Brunswick (New Jersey). La sede italiana e il principale stabilimento produttivo si trovano a Pomezia.

L’azienda è tra le principali case farmaceutiche al mondo. Risulta una delle società di maggior valore al mondo ed è una delle due sole società con sede negli Stati Uniti ad avere un rating creditizio di prim’ordine di AAA, superiore a quello del governo degli Stati Uniti. Nell’elenco di Fortune 500 del 2021 J&J si è classificata al 36° posto delle più grandi società statunitensi per fatturato totale.

Johnson & Johnson ha circa 97 stabilimenti situati tra Stati Uniti, Belgio, Brasile, Canada, Cina, Francia, Germania, India, Israele, Giappone, Paesi Bassi, Singapore, Svizzera e Regno Unito. Ha circa 135.00 dipendenti. J&J possiede circa 250 filiali che operano in 60 diversi stati. Tra le principali controllate vi sono: Acclarent, Actelion, Cilag, Crucell, DePuy Synthes, Ethicon Inc., Janssen Pharmaceutica, Janssen Biotech, Johnson & Johnson Vision, McNeil Consumer Healthcare, Mentor, Synthes e Tibotec.

I prodotti Johnson & Johnson sono venduti in 175 diversi paesi. Tra i principali marchi dell’azienda vi sono Band-Aid, Tylenol, Johnson’s Baby, Neutrogena, Piz Buin, Carlo Erba, Nizoral, Listerine, Clean & Clear, Acuvue.

Le tre attività di business sono:

  • Salute dei consumatori: si concentra su prodotti usati per la cura dei neonati, igiene orale, cura della pelle, parafarmacia, benessere femminile e cura delle ferite.
  • Dispositivi medici: offre prodotti usati nel settore ortopedico, chirurgico, cardiovascolare, della cura del diabete e della vista.
  • Farmaceutico: focalizato su aree terapeutiche che includono immunologia, malattie cardiovascolari e metaboliche, ipertensione polmonare, malattie infettive e vaccini, neuroscienza e oncologia. Il braccio farmaceutico di Johnson & Johnson è Janssen Pharmaceuticals che è stata una delle prime a produrre un vaccino (monodose) contro la SarS-CoV2.

Nel 2020, i maggiori ricavi sono sati conseguiti dal settore farmaceutico (55% del totale) seguito dal settore dei dispositivi medici (28%) e da quello dei consumatori (17%). A livello geografico più della metà delle vendite totali provengono dagli Stati Uniti (51,3%). Nel 2020 Johnson & Johnson ha registrato un fatturato mondiale di 82,6 miliardi di dollari con un utile netto di 14,714 miliardi.

A novembre 2021 Johnson & Johnson ha annunciato uno spin off in due società indipendenti: una nuova società venderà farmaci da banco mentre l’altra, che manterrà il vecchio marchio, si concentrerà sul ramo farmaceutico e sui dispositivi medici di ricerca avanza.

Johnson & Johnson è quotata in Borsa all’indice NYSE ed è un componente del Dow Jones Industrial Average.

Tra i maggiori azionisti di J&J vi sono:

  • The Vanguard Group Inc, 8,46%
  • SSgA Funds Management, Inc., 5,40%
  • BlackRock Fund Advisors, 2,24%
  • Geode Capital Management LLC, 1,65%
  • Northern Trust Investments, Inc.(Investment Management), 1,33%
  • Capital Research & Management Co., 1,24%
  • Wellington Management Co. LLP, 1,23%
  • State Farm Investment Management Corp., 1,20%
  • Norges Bank Investment Management, 1,05%

Approfondimento economico e finanziario dell’azienda

Johnson & Johnson è stata fondata nel 1886 dal farmacista Robert Wood Johnson I insieme ai fratelli James Wood Johnson e Edward Mead Johnson che crearono una linea di prodotti medicinali pronti per l’uso. Robert Wood Johnson è stato il primo presidente dell’azienda.

J&J vendeva cerotti medicati e fu tra le prime a produrre prodotti chirurgici come i punti di sutura, cotone assorbente e garze.

Nel 1894, iniziò a produrre Johnson’s Baby Powder, il primo prodotto per bambini dell’azienda e il primo kit di maternità al mondo per aiutare i parti in casa.

Nel 1901 l’azienda pubblicò il Manuale di primo soccorso, una guida all’applicazione del primo soccorso.

Durante la prima guerra mondiale, le fabbriche dell’azienda aumentarono la produzione per soddisfare la domanda di prodotti chirurgici sterili.

Nel 1916 acquisisce la Chicopee Manufacturing Company a Chicopee Falls.

Nel 1919, apre il primo stabilimento fuori dagli Stati Uniti a Gilmour in Canada. In Europa il primo stabilimento viene aperto in Inghilterra nel 1924. Durante gli anni successivi si espande in Sud America, Australia e Africa.

Nel 1932 Robert Wood Johnson II, figlio dell’omonimo fondatore, divenne presidente. Il nuovo presidente diverrà famoso con il nome di “Generale Johnson” e trasformerà l’azienda sella scena globale.

Nel 1935 viene messo sul mercato l’olio Johnson’s Baby Oil.

Nel 1943, Robert Wood Johnson scrisse “Il nostro credo” (Our Credo), un documento alla base della filosofia aziendale di J&J.

Nel 1944 l’azienda viene quotata in Borsa.

Nel 1947 assorbe l’azienda di George F. Merson rinominandola Ethicon Suture Laboratories.

Nel 1959 acquisisce la McNeil Laboratories e la Cilag azienda farmaceutica svizzera.

Nel 1961 entra nel mercato italiano. Il primo investimento del Gruppo è consistito nella creazione della Cilag Chemie Italiana Spa.

Viene aquistata la Janssen Pharmaceuticals che diventa parte della Johnson & Johnson Pharmaceutical Research and Development.

Nel 1992 Ethicon viene riorganizzata e diventa una società separata.

Nel 1998 compra la DePuy inserendola nel settore dei servizi medici.

Nel 1999 Centocor diviene una controllata di Johnson & Johnson.

Nel 2008 Centocor Inc. e Ortho Biotech Inc. si sono fuse per formare Centocor Ortho Biotech Inc.. Nello stesso anno ha acquisito Amic, sviluppatore di diagnostica in vitro. Compra la Mentor Corporation per 1 miliardo di dollari e fonde le sue attività in Ethicon.

A giugno 2010 Centocor Ortho Biotech ha acquisito RespiVert, una società privata di scoperta di farmaci. A settembre 2010 annuncia l’acquisizione di Micrus Endovascular, produttore di dispositivi minimamente invasivi per ictus emorragico e ischemico. Ad ottobre acquisisce Crucell per 2,4 miliardi di dollari.

Nel giugno 2011 Centocor Ortho Biotech Inc cambia nome in Janssen Biotech, Inc. con lo scopo di unire le aziende farmaceutiche Janssen in tutto il mondo sotto un’identità comune.

A giugno 2012 acquisisce Synthes, multinazionale produttrice di dispositivi medici per 19,7 miliardi di dollari. Successivamente fonda la Synthes con la DePuy, nasce la DePuy Synthes.
In Cina annuncia l’acquisto di Guangzhou Bioseal Biotechnology Co., Ltd..

Tra il 2013 e il 2014 acquisisce Aragon Pharmaceuticals, Inc. e Alios BioPharma, Inc. per 1,75 miliardi di dollari.

Nel 2016, compie altre due grandi acquisizioni: acquista la Vogue International LLC, dando impulso a Johnson & Johnson Consumer Inc. e la Abbott Medical Optics da Abbott Laboratories per 4,325 miliardi di dollari, aggiungendo la nuova divisione in Johnson & Johnson Vision Care, Inc..

A gennaio 2017 Johnson & Johnson ha annunciato la sua più grande acquisizione della storia; per 30 miliardi di dollari compra la società farmaceutica svizzera Actelion. Successivamente scorpora l’unità di ricerca e sviluppo di Actelion in una nuova società, Idorsia. J&J controllerà il 16% di Idorsia, con la possibilità di aumentare la propria partecipazione al 32% tramite obbligazioni convertibili.
A febbraio cede l’attività di neurochirurgia Codman ad Integra LifeSciences per 1,05 miliardi di dollari.

Nel maggio 2018, tramite la Janssen, acquisisce la BeneVir Biopharm. Cede, invece, LifeScan, Inc. a Platinum Equity per circa 2,1 miliardi di dollari.

Ad agosto 2020 acquista la società biotecnologica Momenta Pharmaceuticals per 6,5 miliardi di dollari.

In seguito alla pandemia da Coronavirus, Johnson & Johnson si è impegnata, tramite la Janssen Vaccines, per la ricerca di un vaccino impiegando oltre 1 miliardo di dollari per lo sviluppo e la ricerca. A gennaio 2021 dopo aver superato le varie fasi di sperimentazione è stato introdotto sul mercato. Nell’aprile 2021, la società ha riferito che il suo vaccino ha raggiunto 100 milioni di dollari di vendite nel primo trimestre, rappresentando meno dell’1% delle sue entrate totali.

A novembre 2021 J&J annuncia lo scoporo della società in due entità separate: una continuerà la normale attività di assistenza sanitaria ( il settore di Consumer Health) mentre l’altra si concentrerà sul ramo farmaceutico e su dispositivi medici di ricerca avanzata, un’attività in grado di generare margini molto più alti, ma su cui gravano anche rischi maggiori.

Le ultime notizie su Johnson & Johnson
Il quartier generale di Roche a Basilea

Roche: vendite in forte aumento grazie ai test Covid-19, sale il dividendo

L’utile netto è sceso dell’1%, mentre i ricavi sono saliti dell’8% – Nel 2022 crescita più lenta

Maurizio Castorina

Ardian acquisisce il 70% di Biofarma per 0,78 miliardi

La società friulana è entrata nel fondo di private equity Ardian – Si tratta del secondo investimento nel settore farmaceutico per il gruppo francese – Maurizio Castorina rimarrà alla guida dell’azienda

Piazza Affari

Piazza Affari sfiora quota 28 mila ma il crollo del Nasdaq frena tutti

Seconda giornata di rialzo per la Borsa italiana nel 2022 che nel finale risente però della brusca inversione di rotta dei titoli tecnologici americani mentre i T-bond sfondano l’1,67% – Risorge Iveco, corre la galassia Agnelli-Elkann – Banche ok -Vendite invece sui titoli farmaceutici – Borse a due velocità negli Usa

Novartis

Novartis compra società optogenetica per 1,5 miliardi

La casa farmaceutica svizzera continua i suoi acquisti nel settore farmaceutico – Stavolta tocca alla ditta britannica di terapia genica oculare al fine di accelerare la sperimentazione per il trattamento dell’atrofia geografica, una delle principali cause di cecità

Carlo Rosa, Ceo di Diasorin

Diasorin svela il nuovo piano, ma il titolo cade in Borsa

Il fatturato ex-Covid è visto in crescita del 24% nel 2022, quello totale in calo del 2% – Ricavi Covid in flessione dai 370 milioni del 2021 a 150 milioni nel 2022 – Al via nuovi programmi nell’immunodiagnostica