Condividi

Assicurazioni, come difendersi dalle truffe: tutto su FIRST Tutorial

Nel 2018 sono stati scoperti ben 105 siti che raggiravano i clienti con false assicurazioni – Ma come si fa ad evitare le truffe assicurative dei falsi intermediari? Lo spiega FIRST Tutorial, il sito lanciato da FIRSTonline per aiutare i lettori a semplificarsi la vita attraverso il web

Assicurazioni, come difendersi dalle truffe: tutto su FIRST Tutorial

Come controllare se è affidabile la compagnia di assicurazione che ci fa una super offerta? Ecco che FIRST Tutorial, il sito di FIRSTonline dedicato al mondo delle “istruzioni per l’uso”, ha confezionato per voi alcune indicazioni, stilate dall’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni (Ivass) per evitare di essere truffati. Il caso parte da lontano: nel 2015 le segnalazioni dei consumatori truffati risultavano sporadiche, nel 2017 il fenomeno è esploso e le denunce dei clienti hanno riguardato 50 siti, oggi per il 99% offline; nel 2018 sono stati scoperti 105 siti, di cui lo scorso dicembre il 75% risultava offline.

Di conseguenza l’IVASS, Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni, ha deciso di muoversi in autonomia nella ricerca di siti di falsi intermediari, attraverso ricerche sul web mediante tag, parole chiave e altri elementi utili. Di fondamentale importanza è innanzitutto la segnalazione all’IVASS da parte dei cittadini e delle associazioni dei consumatori, che tramite il numero verde 800486661 presente sul sito oppure con email informano l’Istituto di aver subito una truffa o un tentativo di truffa. Di grande utilità sono anche le segnalazioni effettuate da intermediari regolari o da compagnie.

Inoltre, argomento molto più leggero ma non meno importante per chi ha un’automobile, nell’edizione di questo weekend FIRST Tutorial propone pure suggerimenti per riparare le gomme bucate con il fai-da-te. Oggi le gomme di scorta sono sempre più rare, e per questo è bene dotarsi del kit “sigilla-foro”, che replica esattamente il materiale usato dal gommista per riparare bene e definitivamente la nostra gomma bucata. E per vedere come si fa, c’è anche un video.

Commenta