Condividi

Ubi, Massiah: “La crescita continua, focus su IWBank”

Parlando all’assemblea degli azionisti, il direttore generale della banca bergamasca conferma di poter migliorare l’utile nel 2019 – Per il nuovo Cda presentata solo una lista: confermato Massiah, Moratti presidente e Nicastro vice.

Ubi, Massiah: “La crescita continua, focus su IWBank”

Settimana di assemblee per le banche italiane. Dopo il giovedì intenso di Unicredit e Mps, venerdì 12 aprile tocca a Ubi Banca, che conferma di puntare a una crescita dell’utile nel 2019: “Noi al mercato abbiamo detto che riteniamo di poter fare nel 2019 un utile migliore del 2018 e confermo a questa assemblea questa linea”, ha esordito davanti alla platea di azionisti il consigliere delegato di Ubi Banca, Victor Massiah. Il manager ha poi ribadito le valutazioni che hanno portato la banca ad annunciare la stesura di un nuovo piano industriale dopo il cambio di governance e l’insediamento del nuovo cda: “Con il nuovo consiglio dovremo andare a scrivere nuovo piano industriale perchè si sono create delle situazioni differenti: per una serie di motivi di contingenza interna ed esterna, il Pil crescerà meno di quanto previsto a piano, i tassi sono attesi negativi fino almeno a fine 2020, lo spread era previsto sotto 150 punti base”.

“Dobbiamo in qualche modo – ha proseguito Massiah – andare a riscrivere il piano sulla base del nuovo scenario ma anche perchè abbiamo fatto prima del previsto sulle cose che potevamo controllare: sugli oneri operativi siamo già arrivati al target fine piano, così come sul derisking”. Ubi andrà quindi a riscrivere il nuovo piano con obiettivi molto più ambiziosi su costi e qualità del credito “e con un modo diverso di andare a cercarci ricavi in uno scenario di tassi ancora particolarmente ostile per una banca commerciale”. Il manager non ha fatto mistero che uno dei driver del prossimo piano sarà IWBank, la banca del gruppo specializzata nella gestione degli investimenti: “Una creatura promettente, ci sarà un focus particolare dedicato alla sua crescita. Abbiamo un piccolo tesoro in casa”. Numerosi azionisti hanno tra l’altro espresso soddisfazione per la recente sentenza di assoluzione per la stessa Iw Bank e gli ex vertici e manager nel procedimento per ostacolo all’attività di Vigilanza.



Massiah ha poi rivendicato quanto fatto dalla creazione di Ubi Banca a oggi: l’istituto ha creato valore per 1,9 miliardi, passando da un patrimonio netto tangibile 2007 di 5,2 miliardi a quello attuale di 7 miliardi, considerando gli aumenti di capitale da 1,6 miliardi effettuati nel periodo e i dividendi distribuiti, pari a 1,7 miliardi. “Ubi è una delle poche banche ad aver creato valore durante la crisi, nella crisi peggiore degli ultimi 100 anni con un contesto difficile e un contesto regolamentare sempre più pesante”, ha sottolineato Massiah, che ha poi riservato una frecciata a chi in questi anni ha criticato la gestione: “Abbiamo significativi margini di miglioramento, dobbiamo migliorare tutto ma l’unica cosa che non si può dire è che non abbiamo creato valore. E’ stato difficile a volte lavorare con gli attacchi e le falsità che ci sono arrivati addosso, ma i numeri sono questi, il resto sono chiacchiere”, ha concluso.

Per quanto riguarda le possibili aggregazioni, è intervenuto il presidente della Fondazione Cr Cuneo (che è il primo azionista singolo di Ubi Banca), Giandomenico Genta, in merito alla possibile partecipazione della banca a un ulteriore consolidamento del settore bancario: “Auspichiamo si mantenga lo stesso atteggiamento di prudenza e di valutazione oggettiva delle opportunità e che si facciano solo i passi capaci di creare valore per la banca, il territorio e gli azionisti. Non vogliamo però svolgere un ruolo conservativo”.

L’assemblea, oltre che ad approvare i conti e a deliberare sul dividendo, è chiamata anche ad esprimersi sul rinnovo del consiglio di amministrazione. L’unica lista presentata per l’elezione del nuovo cda porterà alla conferma dell’ad, Victor Massiah, e all’indicazione di Letizia Moratti, fino a ieri presidente del consiglio di gestione, come presidente. Mentre la new entry Roberto Nicastro sarà vice presidente. Con i lavori assembleari ancora in corso, il titolo Ubi Banca viaggia in territorio positivo a Piazza Affari, dove intorno alle 12.30 guadagna lo 0,85% a 2,597 euro per azione.

Commenta