Condividi

Russia, crescita Pil ha rallentato a +1,3% nel 2013. Dato inferiore alle previsioni degli analisti

E’ il peggiore dal 2009. Le stime parlavano di una crescita del Prodotto interno lordo del +3,6% – Il ministro Ulyukayev: “Pesano la recessione di molti partner e i pochi investimenti” – Oggi rublo debole

Russia, crescita Pil ha rallentato a +1,3% nel 2013. Dato inferiore alle previsioni degli analisti

Il prodotto interno lordo russo si è fermato a +1,3% nel 2013. E’ il livello più basso dal crollo del 2009, anche se si tratta di una stima iniziale, diffusa dall’agenzia statistica di Mosca Rosstat. Ma il dato conferma il calo degli ultimi anni: dal +4,3% del 2011 al +3,4% del 2012.

Un netto passo indietro rispetto alle stime degli analisti. Secondo quanto riferisce l’agenzia di stampa Interfax avevano previsto una crescita del +3,6%.

Il ministro dello Sviluppo economico Alexei Ulyukayev sottolinea che “il ritmo di crescita non è in alcun modo soddisfacente. Pesano la recessione di molti partner commerciali e gli scarsi investimenti interni”. Già a dicembre Ulyukayev aveva espresso preoccupazione per la stagnazione attraversata dalla Russia, che rischia di protrarsi anche per i prossimi anni.

Alle 15.30 il Rublo è in calo al -0.11% con valore rispetto all’Euro di 47,7482      

    
 
  

Commenta