Condividi

Prysmian, il collegamento sottomarino Sardegna-Italia continentale compie 50 anni

Il gruppo attivo nel settore dei sistemi in cavo e le telecomunicazioni punterà su innovazione e utilizzo efficiente e sostenibile delle risorse energetiche

Prysmian, il collegamento sottomarino Sardegna-Italia continentale compie 50 anni

Prysmian Group, fra i leader mondiali nel settore dei sistemi in cavo per l’energia e le telecomunicazioni, celebra i 50 anni del sistema in cavo sottomarino HVDC realizzato per l’interconnessione SA.CO.I. che collega la rete elettrica della Sardegna all’Italia continentale.

Si tratta del collegamento sottomarino HVDC in esercizio da più tempo al mondo. “È una ricorrenza importante perché testimonia l’assoluta affidabilità, efficienza ed efficacia della tecnologia dei nostri cavi sottomarini” spiega Massimo Battaini, Senior Vice President Energy Projects Prysmian Group.

“L’utilizzo sempre più efficiente e sostenibile delle risorse energetiche passa attraverso l’ammodernamento e lo sviluppo delle reti elettriche. Le tecnologie e i servizi che Prysmian è in grado di offrire a utilities e gestori di rete si dimostrano sempre più centrali anche in ottica di riduzione dei costi di realizzazione dell’impianto e di esercizio” ha aggiunto Massimo Battaini.

Quando venne costruito, il collegamento energia sottomarino SA.CO.I. rappresentava un motivo di orgoglio sia in termini di capacità installata (300 MW) sia per profondità marina raggiunta (450 metri). I 120 km di cavo sottomarino a 200 kV per connettere Sulcis in Sardegna con la Corsica e la Toscana furono prodotti nello stabilimento di Arco Felice (Napoli), uno dei centri di eccellenza produttiva e tecnologica del Gruppo.

Dopo 50 anni di attività l’interconnessione SA.CO.I. continua a rappresentare un importante collegamento energetico tra la Sardegna e l’Italia.

“Per il futuro puntiamo sempre di più sull’innovazione tecnologica e sulla capacità di offrire ai nostri clienti progetti completi e “chiavi in mano”, sviluppati in base alle loro esigenze. Le direttrici dell’innovazione sulle quali stiamo investendo ci porteranno a sistemi in cavo con capacità di trasmissione più elevate, un maggiore utilizzo di materiali altamente performanti e sostenibili per l’ambiente, l’impiego di tecnologie all’avanguardia ed eccellente know-how per fornire sistemi intelligenti per la gestione e il monitoraggio delle reti, oltre ad attrezzature potenziate e servizi avanzati per l’installazione e la manutenzione dei cavi” ha concluso Battaini.

Commenta