Condividi

Poste Italiane: su ricavi e masse gestite

Giù l’utile netto a causa della svalutazione del credito convertibile in Alitalia – Ebit a 847 milioni in linea con il 2016 – Titolo in rialzo a Piazza Affari.

Poste Italiane: su ricavi e masse gestite

La prima semestrale di Matteo Del Fante alla guida di Poste Italiane registra ricavi consolidati pari a 18 miliardi di euro, in aumento del 2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. “La crescita – comunica la società attraverso una nota – è principalmente da imputarsi al comparto assicurativo e del risparmio gestito; in un contesto di mercato caratterizzato da una forte contrazione della raccolta assicurativa, la divisione ha registrato ricavi per 13,3 miliardi di euro, in aumento del 3,3%”. 

Dai dati si evidenzia che il secondo trimestre ha registrato una notevole crescita del fatturato di gruppo (+7%), compensando il calo registrato nel primo trimestre 2017, quando i ricavi del gruppo avevano registrato un calo del 2%.

L’Ebit si è attestato nei sei mesi a 847 milioni (14% nel II trimestre), un valore in linea agli 843 milioni del primo semestre 2016.

Il primo semestre del 2017 si è chiuso con un utile netto in calo del 9,7% dai 565 milioni dei primi sei mesi del 2016 ai 510 milioni del 20 giugno 2017. A causare il ribasso, spiega Poste, sono accantonamenti operativi, “ma anche per i maggiori oneri finanziari dovuti principalmente alla svalutazione, per 82 milioni di euro, prima dell’effetto fiscale, del credito convertibile sottoscritto nel dicembre 2014 da Poste Italiane ed emesse da Midco SpA, società che detiene il 51% della Alitalia SAI SpA”.

Al netto di tutte le partite straordinarie, l’utile netto del primo semestre si attesterebbe a 624 milioni, con un incremento del 38% rispetto ai 451 milioni del 2016. 
  
Aumentano, invece, le masse gestite ed amministrate che insieme raggiungono i 500 miliardi (493 miliardi a fine dicembre 2016). Il valore beneficia principalmente di una crescita della raccolta diretta BancoPosta sui conti correnti (+5 miliardi di Euro) e delle riserve tecniche del comparto assicurativo Vita.

Su Piazza Affari, in attesa della pubblicazione dei risultati del semestre, il titolo di Poste Italiane ha chiuso in rialzo dello 0,96% a 6,285 euro.

Commenta