Condividi

Pop. Vicenza: no fusioni prima di Ipo e aumento capitale

L’amministratore delegato: tra gli assi portanti del piano c’è la “trasformazione in società per azioni quotata” entro aprile 2016, operazione che avverrà contestualmente alla chiusura dell’aumento di capitale.

Pop. Vicenza: no fusioni prima di Ipo e aumento capitale

La Banca Popolare di Vicenza esclude “assolutamente” di realizzare operazioni di aggregazione “fino alla quotazione e all’aumento di capitale”. Lo ha annunciato l’amministratore delegato dell’istituto, Francesco Iorio, presentando il nuovo piano industriale. 

“Poi – ha aggiunto – saremo abbastanza forti da valutare un’operazione con calma e prudenza, un’operazione paritetica, possibilmente con banche con la stessa dimensione operativa. Non vogliamo essere l’area Nord Est di una grande banca”. 



Iorio ha poi sottolineato che tra gli assi portanti del piano c’è la “trasformazione in società per azioni quotata” entro aprile 2016, operazione che avverrà contestualmente alla chiusura dell’aumento di capitale.

Commenta