Condividi

Merkel a Berlusconi: “Germania fuori dall’euro? Illogico dire che non sarebbe un dramma”

E l’ambasciatore tedesco in Italia, Reinhard Schaefers, rincara la dose: “Sarebbe una tragedia per tutta l’Europa, per noi tutti”.

Merkel a Berlusconi: “Germania fuori dall’euro? Illogico dire che non sarebbe un dramma”

E’ illogico sostenere che l’uscita della Germania dall’eurozona non sarebbe un dramma“. Così Steffen Seibert, portavoce della cancelliera tedesca Angela Merkel, ha commentato oggi in conferenza stampa le affermazioni arrivate ieri da Silvio Berlusconi. Seibert ha evitato di pronunciare esplicitamente il nome dell’ex premier italiano, ma il riferimento al Cavaliere è indubbio. “Se la Germania uscisse dall’euro non sarebbe una tragedia”, aveva detto ieri Berlusconi durante la presentazione dell’ultimo libro di Renato Brunetta.

A marcare ulteriormente la distanza fra Berlino e Arcore si sono aggiunte in mattinata le parole dell’ambasciatore tedesco in Italia, Reinhard Schaefers, secondo cui l’ipotesi paventata dal Cavaliere “sarebbe una tragedia per tutta l’Europa, per noi tutti”.



Schaefers ha quindi sottolineato l’efficacia dei rapporti fra Merkel e l’attuale inquilino di Palazzo Chigi, Mario Monti: “La collaborazione tra la cancelliera e il primo ministro è ottima . C’è desiderio da parte tedesca che questo spirito di collaborazione e di cooperazione continui”. Dichiarazioni che potrebbero sottintendere un auspicio alla realizzazione del progetto Monti-bis

Quanto alla politica del presidente della Bce, Mario Draghi, e alle sue divergenze con la Banca centrale tedesca, Schaefers ha gettato acqua sul fuoco, affermando che la “cancelliera si è espressa in un modo abbastanza costruttivo” e che “l’atteggiamento del governo” tedesco in generale si è dimostrato “altrettanto costruttivo”.

Commenta