Condividi

Manovra 2018: dagli sconti su treni e bus al bonus mobili

Detrazione del 19% per le spese relative al trasporto pubblico locale, regionale ed interregionale. Prorogato il bonus mobili inserito nella finanziaria dello scorso anno: agevolazione fiscale del 50% sull’acquisto di mobili ed elettrodomestici per spese fino a 10mila euro. Tra le altre novità, nuove risorse per il rinnovo del contratto nel pubblico impiego, bonus per chi assicura le case dalle calamità naturali e fondi per lo sviluppo di mobilità sostenibile.

Manovra 2018: dagli sconti su treni e bus al bonus mobili

Continuano ad arrivare aggiornamenti e novità sulla Manovra 2018 approvata “salvo intese” lo scorso 16 ottobre dal consiglio dei ministri. La bozza del testo, che potrebbe essere oggetto di ulteriori modifiche e limature, presenta numerose novità: ecco le più importanti.

Detrazioni fiscali per gli abbonamenti al Tpl 

La Finanziaria 2018 fissa la detraibilità dall’imposta lorda al 19% per un importo delle spese relative al trasporto pubblico locale, regionale ed interregionale non superiori a 250 euro l’anno. Arrivano anche le agevolazioni fiscali per  i “buoni Tpl”: “Le somme rimborsate dal datore di lavoro o direttamente sostenute da quest’ultimo per l’acquisto di biglietti per bus e treni non concorrano a formare reddito di lavoro dipendente, così come avviene per i buoni pasto”. Lo si legge nella relazione illustrativa alla nuova bozza della manovra. 

Proroga bonus mobili 2018

Importante novità rispetto alla prima bozza del testo, nella quale non vi era traccia dell’agevolazione inserita solamente in un secondo momento. Confermata l’impostazione della Manovra 2017, mentre nel testo di due anni fa era stata inserita una agevolazione per le giovani coppie. 

Il bonus darà diritto ad usufruire di una detrazione del 50% sull’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici, nel caso in cui l’acquisto sia legato ad interventi di ristrutturazione edilizia. Il bonus è valido per tutti gli acquisti effettuati entro il 31.12.2017 e, nel caso in cui la proroga venga definitivamente confermata, il limite temporale diventerà quello del 31.12.2018. La detrazione ha un tetto di 10mila euro. 

Fondi contratto Pubblica amministrazione 

Il testo prevede lo stanziamento di ulteriori risorse indirizzate al rinnovo del contratto nel pubblico impiego. La cifra relativa alla P.a. centrale si va a sommare ai precedenti stanziamenti. Gli oneri a carico del bilancio statale relativi al triennio 2016-2018 sono dunque così rideterminati: 300 milioni di euro per il 2016, 900 milioni per il 2017 e 2,9 miliardi a decorrere dal 2018. 

Grazie all’intervento del Governo sarebbe possibile garantire aumenti medi mensili di 85 euro. 

Calamità naturali

Importante novità per il settore assicurativo: arriva il bonus fiscale per i proprietari di casa che assicurano la propria abitazione dalle calamità naturali. Oltre alla detrazione Irpef del 19% sul premio pagato scompare la tassa occulta del 22,25% che va ad incidere sui premi. 

Sempre in relazione ad eventi atmosferici naturali, la nuova bozza sospende il pagamento degli adempimenti fiscali per i residenti e le imprese dei comuni dell’isola di Ischia colpiti dal terremoto del 21 agosto. Stanziati 50 milioni di euro per la ricostruzione. 

Progetti di mobilità sostenibile

L’aggiornamento del testo della Manovra include anche lo stanziamento, a partire dal 2019, di 100 milioni l’anno destinati a “progetti sperimentali e innovativi di mobilità sostenibile” proposti da comuni e città metropolitane. La norma è finalizzata all’attuazione degli indirizzi contenuti nel Piano strategico nazionale e permetterà di accorciare i tempi del processo di rinnovo del parco rotabile, con l’introduzione di mezzi su gomma ad alimentazione alternativa. L’intervento mira ad ottenere sostanziali miglioramenti della qualità dell’aria ed anche del servizio offerto ai cittadini 

Commenta