Condividi

Legge di Stabilità 2016: tutte le novità punto per punto

Con l’ultimo via libera del Senato la manovra diventa legge – Novità in arrivo su molti fronti: Imu, Tasi, decontribuzione nuovi assunti, super-abbonamento, tetto ai contanti, canone Rai, piano per il Sud, cultura, sicurezza, pensioni, sanità, pagamenti elettronici, giochi, consulenza finanziaria e perfino camper e yacht.

Legge di Stabilità 2016: tutte le novità punto per punto

Il Senato ha dato oggi il via libera finale alla legge di Stabilità 2016 con 162 voti favorevoli e 125 contrari. Nonostante la fiducia posta dal Governo, l’ultima lettura a Palazzo Madama era ormai un passaggio formale: il testo è identico a quello approvato domenica notte dalla Camera e contiene molte novità rispetto alla versione iniziale. Il valore complessivo della manovra è cresciuto da 29,6 a 35,4 miliardi di euro e la copertura finanziaria prevede un aumento del rapporto deficit-Pil 2016 dal 2,2 al 2,4%. 

L’aumento dei costi è legato alle misure introdotte al Senato, ma soprattutto al capitolo sicurezza e cultura approvato in commissione Bilancio alla Camera dopo gli attentati di Parigi. Quel solo emendamento vale 2,4 miliardi fra gli 80 euro alle forze di polizia, i fondi contro il cyber crime, le risorse per le attrezzature e i 500 euro ai diciottenni e il sostegno alle periferie. 

Confermate le tre misure cardine della manovra: l’addio alla Tasi sulla prima casa (che vale 3,7 miliardi), gli sgravi per le assunzioni (ancorché dimezzati rispetto al 2015) e il super-ammortamento al 140% sugli investimenti delle imprese. Cancellato, invece, l’anticipo al 2016 del ventilato calo dell’Ires (l’imposta sui redditi delle società) dal 27,5 al 24%, per il quale bisognerà attendere il primo gennaio 2017. Tra le novità introdotte all’ultimo minuto, la più rilevante è la card destinata alle famiglie con almeno tre figli minori a carico.

Vediamo ora nel dettaglio quali sono i punti fondamentali della nuova legge di Stabilità. 

TASI SULL’ABITAZIONE PRINCIPALE

L’intervento più atteso è senz’altro la cancellazione della Tasi sull’abitazione principale. La misura interessa 19 milioni di italiani e vale 3,7 miliardi.

IMU E TASI AL 50% PER LE CASE IN COMODATO AI FIGLI O GENITORI

Dall’anno prossimo si pagherà solo il 50% dell’Imu e della Tasi sulla seconda casa data in comodato a figli o genitori. Il comodato, però, dovrà essere registrato e si dovrà possedere al massimo una prima casa oltre a quella data al parente. 

ACQUISTO DELLA PRIMA CASA IN LEASING. SCONTI SU ACQUISTI DA COSTRUTTORI E AFFITTI A CANONE CONCORDATO

La prima casa si potrà acquistare in leasing, ovvero pagando un canone e alla fine un valore di riscatto. Il leasing sarà agevolato per gli under35 con reddito sotto i 55 mila euro. 

Novità anche per l’acquisto di un’abitazione residenziale da un’impresa costruttrice: l’Iva pagata potrà essere scontata per il 50% dall’Irpef dell’acquirente, in 10 rate. Uno sconto del 25%, in favore del proprietario, arriva invece a chi dà in affitto l’immobile a canone concordato.

IMU SU TERRENI AGRICOLI E IMBULLONATI

Eliminata anche l’Imu sui terreni agricoli (405 milioni) e sugli imbullonati (530 milioni), ovvero i macchinari d’impresa fissati a terra. 

IRAP SU LAVORATORI STAGIONALI

Sarà deducibile dall’imponibile Irap il costo del lavoro nel limite del 70% anche per i lavoratori stagionali, purché impiegati per 120 giorni per due periodi d’imposta (e non solo per uno) a partire dal secondo anno di contratto stipulato con lo stesso datore di lavoro.

ANNULLATO L’AUMENTO DI IVA E ACCISE 

La misura della legge di stabilità dalla copertura più salata è l’azzeramento degli aumenti di Iva e accise (con impatto sulla benzina) che sarebbero dovuti partire da gennaio. Solo questo intervento vale ben 16,8 miliardi di euro. Con la stessa misura sono stati cancellati anche 11,1 miliardi per il 2017 e 9,4 miliardi per il 2018. Al momento, restano clausole di salvaguardia per 15 miliardi nel 2017 e 20 miliardi nel 2018. 

FONDO PER GLI OBBLIGAZIONISTI PENALIZZATI DAL SALVA-BANCHE

Viene istituito un Fondo di solidarietà per risarcire parzialmente gli investitori coinvolti dal salvataggio di Banca Etruria, Banca Marche, CariFe e Carichieti. Il Fondo avrà una dote da 100 milioni e sarà alimentato dal Fondo interbancario di tutela dei depositi (Fitd). Un decreto del Ministro dell’Economia fisserà le modalità di presentazione delle domande e i criteri per quantificare i rimborsi. Sarà l’Autorità anticorruzione presieduta da Raffaele Cantone a gestire gli arbitrati.

DECONTRIBUZIONE NUOVI ASSUNTI

Le imprese potranno usufruire della decontribuzione al 40% (per un biennio) sulle nuove assunzioni a tempo indeterminato fatte nel 2016.

SUPER-AMMORTAMENTO

E’ questa la novità più importante per le imprese. Si tratta di una maggiorazione del 40% del costo fiscalmente riconosciuto per l’acquisizione (dal 15 ottobre 2015 al 31 dicembre 2016) di nuovi beni strumentali, in modo da consentire l’imputazione al periodo d’imposta di quote di ammortamento e canoni di locazione finanziaria più elevati.

SALE IL TETTO AI CONTANTI

Il limite oltre il quale è proibito effettuare pagamenti in contanti sale da mille e 3mila euro. La soglia di mille euro rimane però per tutti gli emolumenti erogati dalle pubbliche amministrazioni, dunque anche per le pensioni pagate dall’Inps. 

CANONE RAI A 100 EURO E IN BOLLETTA

Il canone Rai scende da 113 a 100 euro. Si pagherà a rate con la bolletta della luce, ma i criteri devono essere fissati. 

PIANO PER IL SUD

Dal primo gennaio 2016 al 31 dicembre 2019 nelle regioni del Sud (Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Molise, Sardegna e Abruzzo) sarà riconosciuto un credito d’imposta per l’acquisto di nuovi beni strumentali destinati a strutture produttive. 

Sono previste tre fasce e con diverse soglie di spesa. Lo schema è il seguente: 

– credito d’imposta del 10% per le grandi aziende su investimenti fino a 15 milioni di euro;

– credito d’imposta del 15% per le medie imprese su investimenti fino a 5 milioni di euro; 

– credito d’imposta del 20% per le piccole aziende su investimenti fino a 1,5 milioni di euro.

Per il Sud è prevista anche la proroga al 2017 degli sgravi per le assunzioni, ma solo nel caso in cui vengano certificati fondi residui del Pac (Piano di Azione per la Coesione).

BONUS RISTRUTTURAZIONI, ECOBONUS E BONUS MOBILI 

Vengono prorogate al 2016 le agevolazioni fiscali per le ristrutturazioni immobiliari (detrazione del 50%) e finalizzate al risparmio energetico (65%). Per le giovani coppie under 35 il bonus mobili vale anche slegato da ristrutturazioni e raddoppia da 8 a 16mila euro.

ACCERTAMENTI FISCALI

Vengono allungati di un anno i termini per l’accertamento dell’Iva e delle imposte sui redditi. Si passa quindi dal 31 dicembre del quarto anno al 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione contestata. Nel caso di dichiarazione Iva nulla, i termini per l’accertamento diventano gli stessi di quelli già previsti per la mancata dichiarazione: l’accertamento può essere effettuato fino all’ottavo anno successivo.

CULTURA: BONUS A DICIOTTENNI E STUDENTI CONSERVATORI, FONDI ALLE SCUOLE E ALLE UNIVERSITA’

I giovani che compiono 18 anni nel 2016 otterranno una card con 500 euro da spendere per musei, mostre, eventi culturali, ma anche concerti dal vivo e acquisti di libri. Arriva anche un bonus fiscale da mille euro una tantum per l’acquisto di strumenti musicali nuovi da parte degli studenti iscritti ai conservatori. 

Aumentano di 23 milioni circa i fondi per le scuole statali e paritarie. Vengono resi immediatamente utilizzabili dai Comuni 500 milioni per interventi di edilizia scolastica. Viene inoltre incrementato di 50 milioni di euro il Fondo per la concessione di borse di studio.

Sale anche di 6 milioni per il 2016 e di 10 milioni dal 2017 il fondo per il finanziamento ordinario delle università. Approvato inoltre un piano straordinario per la chiamata di professori di prima fascia. Il 20% delle risorse dovrà essere destinato ai soggetti esterni all’Ateneo chiamante.

CARD PER LE FAMIGLIE NUMEROSE 

La nuova card è destinata alle famiglie con almeno tre figli minori residenti, anche se straniere: è volontaria e servirà, in base all’Isee, a ottenere sconti a servizi privati e pubblici che aderiranno all’iniziativa. La carta, emessa dai Comuni secondo criteri fissati con un successivo decreto ministeriale, potrà essere utilizzata anche per costituire gruppi di acquisto familiare, gruppi di acquisto solidale o per usufruire di biglietti o abbonamenti familiari a servizi di trasporti, culturali, sportivi, turistici.

PIANO PER LA POVERTA’ 

Stanziati 600 milioni di euro per un piano povertà. In arrivo anche 100 milioni per la legge “dopo di noi”, in favore di disabili che rimangono senza i genitori. 

CONGEDI PARENTALI E VOUCHER BABY SITTER

I neopapà avranno due giorni (e non più uno) di congedo obbligatorio, anche non consecutivi. Per le mamme si estende al 2016 il voucher baby sitter, che arriva, in via sperimentale, anche per le lavoratrici autonome. Novità anche per il congedo obbligatorio di maternità, che diventerà valido ai fini del premio di produttività.

SICUREZZA E BONUS FORZE DELL’ORDINE

Al personale delle forze di polizia e delle forze armate viene corrisposto un contributo straordinario pari a 80 euro netti al mese (la misura vale 500 milioni). Per fronteggiare l’emergenza terrorismo vengono stanziati 35 milioni per anticipare al 2016 le assunzioni programmate per il 2017 in Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza. In arrivo 50 milioni per l’ammodernamento delle strumentazioni e delle attrezzature dei comparti difesa e sicurezza. Per rafforzare la cyber security è prevista una dotazione di 150 milioni.

Punta a migliorare la sicurezza anche il programma straordinario per la riqualificazione urbana, per il quale sono stanziati 500 milioni. Previsto un credito d’imposta (dote da 15 milioni) per favorire l’acquisto da parte di cittadini di impianti di videosorveglianza.

PENSIONI

La questione relativa alla maggiore flessibilità in uscita per le donne si è risolta a metà: il governo verificherà la disponibilità delle risorse entro settembre, poi eventualmente rifinanzierà il meccanismo di Opzione donna, che consente di andare in pensione con una penalizzazione alle lavoratrici che hanno 57-58 anni di età e 35 di contributi. 

Sono garantite, inoltre, misure di salvaguardia per la quota residua di esodati. Quanto all’indicizzazione dei trattamenti pensionistici, si assicura che, in caso d’inflazione negativa in un dato anno, in sede di adeguamento le prestazioni previdenziali e assistenziali non potranno subire riduzioni.

SALE LA NO TAX AREA PER I PENSIONATI

Viene anticipato al 2016 l’innalzamento della soglia di reddito sotto la quale non si paga l’Irpef. Nel dettaglio, per gli over-75 la soglia sale da 7.750 a 8mila euro, mentre per i pensionati sotto i 75 anni il limite passa da 7.500 a 7.750 euro.

ASSEGNO DI DISOCCUPAZIONE PER I CO.CO.CO 

Rifinanziata per il 2016 (e in parte per il 2017) la Dis-coll, l’indennità di disoccupazione introdotta dal Jobs Act per i collaboratori.

FONDO PER VITTIME DI “SEPARAZIONI PROBLEMATICHE”

Nel 2016 vedrà la luce un fondo di rotazione per le vittime di separazioni problematiche. Il nuovo strumento sarà impiegato per aiutare economicamente le persone a cui l’ex coniuge non versa l’assegno di mantenimento stabilito dal giudice. Lo Stato si rifarà poi sul moroso. 

Il fondo viene istituito in via sperimentale presso il ministero della Giustizia e sarà finanziato con 250mila euro per il 2016 e altri 500mila per il 2017 e il 2018. Nei tribunali ci saranno sportelli dedicati all’erogazione di assegni mensili.

AUTOVELOX VERIFICHERA’ ASSICURAZIONI RC AUTO 

All’elenco delle violazioni che possono essere accertate con apparecchiature di rilevamento, dunque anche gli autovelox, si aggiungono le revisioni dei veicoli e le assicurazioni rc auto.

BANCOMAT ANCHE PER CAFFE’ E PARCHEGGIO

Bancomat e carte di credito potranno essere usate anche per pagare un caffè o i parchimetri. Dal primo luglio scatta l’obbligo per commercianti e professionisti di accettare la moneta elettronica anche per importi minimi, eliminando il tetto di 30 euro previsto fino ad oggi. L’obbligo però salta “nei casi di oggettiva impossibilità tecnica”.

ASSUNZIONI NELLA SANITA’

Nella sanità i contratti di lavoro flessibili saranno prorogabili fino al 31 ottobre 2016, dopo di che arriverà un concorso straordinario (da indire entro il 31 dicembre 2016 e concludere entro il 31 dicembre 2017) destinato per il 50% ai precari fra i medici e gli infermieri della sanità pubblica. Il Fondo sanitario nazionale sarà di 110 miliardi nel 2016. 

REGIONI 

Con il superamento del patto di stabilità interno vengono attivati meccanismi di gestione del bilancio, che consentono di disporre complessivamente di risorse pari a 11 miliardi per investimenti pubblici. Sono poi previsti specifici interventi per la Terra dei Fuochi e l’area di Bagnoli.

COMUNI

I Comuni potranno utilizzare una parte degli avanzi di cassa per effettuare investimenti in deroga alla regola che impone loro il pareggio del bilancio.

GIOCHI

Il prelievo erariale unico sugli apparecchi con vincite in denaro (Awp) sale di 2,5 punti percentuali, al 17,5%. Al contempo, però, scende dal 74 al 70% il payout, ovvero la percentuale obbligatoria di restituzione in vincita al giocatore. Stop alla pubblicità dei giochi con vincite in denaro in tv e radio (ma non su internet) dalle 7 alle 22.

RIFORMA CONSULENZA FINANZIARIA

Prevista l’istituzione di un Albo unico dei consulenti finanziari e il trasferimento delle funzioni di vigilanza di primo livello dalla Consob all’organismo per la tenuta dell’Albo.

SPIAGGE

Prevista una moratoria per i contenziosi che salva la prossima stagione turistica per gli attuali concessionari, in attesa del riordino complessivo della disciplina. La sospensione dei contenziosi amministrativi non vale per Comuni e municipi commissariati o sciolti per mafia, come quello di Ostia.

CAMPER E YACHT

Chi ha un vecchio camper lo potrà rottamare e se lo cambia con euro5 potrà beneficiare di un contributo di 8mila euro. Viene invece eliminata la supertassa su yacht di lusso, quelli sopra i 14 metri, introdotta dal governo Monti.

Commenta