Condividi

Ischia, la mappa del rischio sismico in Italia

Il sisma di Ischia ripone al centro dell’attualità il rischio sismico sulla penisola, con tutte le tematiche annesse come quella dell’abusivismo edilizio, della prevenzione e della ricostruzione – La mappa aggiornata dell’Istituto di geofisica e vulcanologia.

Ischia, la mappa del rischio sismico in Italia

Il sisma di Ischia, per quanto di intensità ridotta a quelli che hanno tragicamente fatto la storia dei terremoti in Italia (da ultimo quello di Amatrice, che risale esattamente a un anno fa), ripone al centro dell’attualità il rischio sismico sulla penisola, con tutte le tematiche annesse come quella dell’abusivismo edilizio, della prevenzione e della ricostruzione. Il terremoto avvenuto due giorni fa è il quinto di una certa rilevanza verificatosi in Italia negli ultimi 12 mesi: da quello di Amatrice del 24 agosto scorso, passando per le due scosse autunnali sempre nel Centro Italia, la seconda delle quali molto forte, il 30 ottobre, con epicentro a Norcia, fino a quella del 18 gennaio a Capitignano. Le magnitudo in quei casi sono state tutte comprese tra i 5.5 e i 6.5 gradi della scala Richter.

Mappa del rischio sismico in Italia (Ingv)
Ingv

A Ischia le vittime sono state due, ma sono ancora di più i feriti, anche gravi, e gli sfollati che arrivano ad essere oltre 2.600, con tutto ciò che comporta anche sul fronte del turismo, su un’isola relativamente piccola e che vive anche e soprattutto di quello. Riproponiamo dunque la mappa del rischio sismico in Italia, nell’ultima versione aggiornata dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia. Dalla mappa emerge che Ischia, così come la città di Napoli, si trova in un’area di pericolosità media, sensibilmente inferiore a quella di zone già duramente colpite come il Friuli, il Centro Italia, l’Irpinia, la Calabria e la Sicilia.



Commenta