Condividi

Glifosato, via libera Ue per altri cinque anni

Decisivo il sì della Germania. L’Italia ha votato contro la proposta di rinnovo dell’autorizzazione dell’erbicida che da noi rimarrà vietato per molte tipologie di utilizzo

Glifosato, via libera Ue per altri cinque anni

Gli Stati Ue hanno votato a favore di una nuova autorizzazione per cinque anni del glifosato, il contestatissimo erbicida della Monsanto. Lo ha indicato la Commissione europea. 18 Stati si sono pronunciati a favore della proposta comunitaria, 9 contrari, un’astensione.

“Il voto di oggi dimostra che quando tutti vogliamo, siamo in grado di condividere e accettare la responsabilità collettiva nel processo decisionale”, ha detto il commissario Ue alla salute Vytenis Andriukaitis.



A cambiare gli equilibri rispetto alla riunione del 9 novembre scorso, che non aveva espresso una maggioranza qualificata a sostegno o contro la proposta, è stato il voto favorevole di Romania, Bulgaria, Polonia e Germania, che in precedenza si erano astenute. Romania, Bulgaria e Polonia perché ritenevano che un’autorizzazione per cinque anni fosse troppo poco, la Germania perché chiedeva un prolungamento dell’attuale autorizzazione per tre anni.

In Italia, conferma la Coldiretti, resta il divieto di uso del glifosato nelle aree frequentate dalla popolazione o da “gruppi vulnerabili” quali parchi, giardini, campi sportivi e zone ricreative, aree gioco per bambini, cortili ed aree verdi interne a complessi scolastici e strutture sanitarie, ma anche in campagna in pre-raccolta “al solo scopo di ottimizzare il raccolto o la trebbiatura”.

Commenta