Condividi

Georg Baselitz a New York con una mostra dal titolo “Devotion”

Georg Baseliz alla Galleria Gagosian di New York presenta una serie di lavori sul tema della devozione. Dal 24 gennaio al 16 marzo.

Georg Baselitz a New York con una mostra dal titolo “Devotion”

Neoespressionista pionieristico, Baselitz utilizza una certa gestualità piuttosto semplice per creare composizioni viscerali con un’intensa carica emotiva.

Continuando a reinterpretare i precedenti lavori artistici ha dato alla figura a un posto centrale nella pittura.  L’interesse di Baselitz per la ritrattistica emerge dal suo fascino per la memoria così come la sua osservazione che ogni dipinto – anche un ritratto di un’altra personaè l’autoritratto stesso dell’artista.



Al Kunstmuseum di Basilea, vide la Musée Inspires the Poet di Henri Rousseau (Marie Laurencin e Guillaume Apollinaire 1909) e ipotizzò che la coppia raffigurata fosse Rousseau e sua moglie – scoprendo solo in seguito che il dipinto mostrava il poeta Apollinaire e la sua musa. Questa realizzazione ha dato così origine a una nuova linea di ricerca dello stesso Baselitz.

Nell’ultimo anno, l’artista ha intensificato il suo impegno con le immagini del passato, producendo dipinti e disegni basati sugli autoritratti degli artisti. Mentre lavora con vernice o inchiostro, cerca le emozioni di ogni ritratto e le cattura nel suo stile, che possiamo definire unico.

In questa mostra, Rousseau riappare, questa volta accanto a Frank Auerbach, Cecily Brown, Alexander Calder, Willem de Kooning, Otto Dix, Nicole Eisenman, Tracey Emin, Philip Guston, Erich Heckel, Joan Mitchell, Paula Modersohn-Becker, Piet Mondrian, Jackson Pollock, Mark Rothko, Karl Schmidt-Rottluff, Arnold Schoenberg, Clyfford Still, Andy Warhol e altri.

La devozione è molto più che un riconoscimento delle ispirazioni di Baselitz. Ogni dipinto scorre attraverso una lente complessa che è l’occhio di Baselitz. E mentre i ritratti si materializzano davanti a lui, Baselitz li trasforma in una permanenza fisica. Capace così di unire passato, presente e futuro.

La mostra è accompagnata da un catalogo completamente illustrato con un testo di Baselitz e un saggio di Morgan Falconer.

Georg Baselitz è nato nel 1938 a Deutschbaselitz, in Germania, vive e lavora tra Ammersee, in Germania; Basilea, Svizzera; Imperia, Italia; e Salisburgo, in Austria. Le collezioni includono il Museum of Modern Art, New York; Metropolitan Museum of Art, New York; Solomon R. Guggenheim Museum, New York; Museo di arte moderna di San Francisco; Centre Pompidou, Parigi; Museo Ludwig, Colonia, Germania; Museo Städel, Francoforte sul Meno, Germania; Fondazione Beyeler, Basilea; e Tate, Londra. Recenti mostre istituzionali includono Pinturas Recentes, Pinacoteca, São Paulo (2010-11); Baselitz sculpteur, Museo d’arte moderna della città di Parigi (2011-12); Opere dal 1968 al 2012, Essl Museum, Vienna (2013); Allora, nel frattempo, e oggi, Haus der Kunst, Monaco (2014-15); 56a Biennale di Venezia (2015); Com’è iniziato …, Museo statale russo, San Pietroburgo (2015); The Heroes, Städel Museum, Francoforte sul Meno, Germania (2016, ha visitato Moderna Museet, Stoccolma, Palazzo delle Esposizioni, Roma, e Guggenheim Bilbao, in Spagna, fino al 2017); Anteprima con Review, Hungarian National Gallery, Budapest (2017); Baselitz Maniera: anticonformismo come fonte di immaginazione, Staatliche Kunstsammlungen, Dresda, Germania (2018); Opere su carta, Kunstmuseum Basel (2018); e Six Decades, Fondation Beyeler, Basel (2018, ha viaggiato fino al Museo di Hirshhorn e al Sculpture Garden, Washington, DC).
Nel maggio 2019, in concomitanza con la Biennale di Venezi, in una grande ricerca curata da Kosme de Barañano aprirà alle Gallerie dell’Accademia, Venezia, la mostra di Baselitz, il primo un artista vivente ad essere ospitato nel museo.

Immagine di copertina:

Georg Baselitz in his studio, Ammersee, Germany, 2018

Artwork © Georg Baselitz. Photo: Martin Müller, Berlin

Commenta