Condividi

Fotovoltaico: in Italia più impianti ma la produzione cala

Il Rapporto Statistico 2018 del Gse indica che con oltre 800mila installazioni, l’Italia ha prodotto quasi 23mila GWh di energia solare, il 20% della produzione da fonti rinnovabili. Il primato per produzione va alla Puglia, quello per numerosità alla Lombardia.

Fotovoltaico: in Italia più impianti ma la produzione cala

In Italia, a fine 2018, risultano installati 822.301 impianti fotovoltaici per una potenza totale di 20.108 Megawatt e una produzione di 22.654 Gigawattora, che rappresenta circa il 7% del Consumo Interno Lordo di energia elettrica. Su un totale di quasi 115.000 Gigawattora prodotti dalle fonti rinnovabili in Italia, il fotovoltaico copre circa il 20%.

Le regioni che hanno il maggior numero d’installazioni sono la Lombardia con 125.250 impianti, il Veneto con 114.264 e l’Emilia Romagna con 85.156. In termini di potenza e di produzione, invece, è la Puglia a detenere il primato nazionale. La maggiore concentrazione di impianti si rileva al Nord (55% circa del totale italiano), nel Sud è installato il 28%, nel Centro il restante 17%. 

Per quanto riguarda l’autoconsumo nel 2018 è stata rilevata una produzione pari al 22,7% della produzione complessiva degli impianti fotovoltaici.

Nel 2018 sono entrati in esercizio oltre 48.000 impianti fotovoltaici per una potenza complessiva di circa 440 Megawatt. La maggior parte dei nuovi impianti installati nell’anno è relativa alla classe di potenza tra 3 e 20 Kilowatt. Rispetto al 2017, il numero d’impianti entrati in esercizio nel 2018 è aumentato del 9,8% e, la potenza installata è cresciuta del 6,2%. La Lombardia è la regione con il numero più alto di impianti entrati in esercizio nel 2018 (17,8% del totale nazionale), seguita dal Veneto (16,7%) e dall’Emilia Romagna (11%). Al Centro primeggia il Lazio (8,2%), mentre al Sud la maggiore concentrazione di nuove installazioni si rileva in Sicilia (6,0%)

In termini di produzione, i 22,7 Terawattora generati nel 2018 fanno registrare un calo di oltre 1,7 Terawattora rispetto al 2017. Tali oscillazioni sono principalmente imputabili alla variazione dell’irraggiamento solare. Nel 2018 il parco impianti nazionale ha lavorato in media 1.141 ore, in diminuzione dell’8,8% rispetto alle ore del 2017. La collocazione geografica e le caratteristiche degli impianti incidono profondamente sulla loro producibilità, con situazioni che variano dalle circa 1.300 ore medie degli impianti a terra in Sud Italia alle 1.050 ore medie degli impianti su edificio del Nord Italia.

Commenta