Condividi

Enav: utile al record di sempre, proposta cedola da 176 cent

Confermato anche quest’anno il bonus di 6,4 milioni di euro riconosciuto dal Regolatore, per la performance sulla puntualità – All’assemblea dei soci verrà proposta la distribuzione di un dividendo di 0,176 euro per azione.

Enav: utile al record di sempre, proposta cedola da 176 cent

Enav chiude il 2016 con ricavi consolidati a 865,3 milioni (+1,8% su base annuale), Ebitda a 254,9 milioni (+4,9% rispetto al 31 dicembre 2015); +8% esclusi costi legati alla quotazione. Il risultato netto consolidato è in aumento a 76,3 milioni di euro (+15,5%), “migliore risultato nella storia dell’azienda”, è scritto nella nota della società.

Traffico di rotta e di terminale in crescita rispettivamente del 1,5% e del 3,2% in termini di unità di servizio rispetto al 31 dicembre 2015. Confermato anche quest’anno il bonus di 6,4 milioni di euro riconosciuto dal Regolatore, per la performance sulla puntualità. All’assemblea dei soci verrà proposta la distribuzione di un dividendo di 0,176 euro per azione.



“Al risultato economico si aggiunge anche la performance per la qualità del servizio che ci posiziona, anche quest’anno, tra i migliori in Europa. Siamo particolarmente soddisfatti anche per i risultati ottenuti sul mercato non regolato dove abbiamo aumentato i ricavi di circa il 30% gettando ottime basi per il futuro. Per l’anno in corso possiamo ragionevolmente prevedere un ulteriore progresso dei ricavi che, in combinazione con le iniziative legate all’efficienza e all’ottimale utilizzo della tecnologia, ci consentiranno di generare un cash flow in aumento”, ha dichiarato l’Ad di Enav, Roberta Neri (leggi l’intervista rilasciata a FIRSTonline a giugno 2016).

Il Cda di Enav ha anche deliberato di proseguire le attività finalizzate alla selezione di un partner privato per l’ingresso nel capitale di una NewCo, di cui Enav avrà la maggioranza del capitale sociale, per lo sviluppo e l’erogazione dei servizi di Unmanned Aerial Vehicles Traffic Management (UTM).

Enav è infatti firmataria di una Convenzione sottoscritta con Enac il 3 agosto 2016, in virtù della quale la società, in qualità di fornitore dei servizi di gestione del traffico aereo nazionale, si è impegnata a sviluppare e gestire un sistema di controllo del traffico aereo specifico per gli Uav (Unmanned Aerial Vehicles, c.d. droni) e a definire le modalità di erogazione dei servizi mediante lo sviluppo di una piattaforma che consenta l’integrazione di molteplici ed articolate tecnologie per la movimentazione sicura dei velivoli a pilotaggio remoto.

Commenta