Condividi

Eataly in Borsa, ma solo nel 2018

Ad assicurarlo è il fondatore dell’azienda Oscar Farinetti – La quotazione però avverrà solo nel 2018 a prescindere dal target di fatturato raggiunto dal gruppo – “Penso che gli investitori – ha affermato Farinetti – saranno molto fortunati perché operiamo in un settore con un futuro”.

Eataly in Borsa, ma solo nel 2018

Eataly sbarcherà in Borsa, ad assicurarlo è il fondatore dell’azienda Oscar Farinetti, nel corso di un’intervista rilasciata al Sole 24 Ore Radiocor Plus in occasione del decimo anniversario della nascita della sua catena di supermercati di prodotti italiani. La quotazione però avverrà solo nel 2018 a prescindere dal target di fatturato raggiunto dal gruppo.

“Penso che gli investitori – ha affermato Farinetti – saranno molto fortunati perché operiamo in un settore con un futuro, con un’offerta che gode di una domanda enorme nel mondo”.



Non c’entra il fatturato – ha continuato – Sui dettagli deciderà poi Andrea Guerra (il presidente di Eataly, succeduto a Farinetti nella carica nel 2015, ndr.)

Ricordiamo che la catena di prodotti alimentare può contare oggi su 20 punti vendita dislocati su tutto il territorio Nazionale e arriva a coprire 12 Paesi esteri. In base agli obiettivi prefissati, Eataly dovrebbe viaggiare al ritmo di 4-6 aperture di
punti vendita l’anno, a partire dalle prossime inaugurazioni in arrivo in città come Los Angeles e Las Vegas negli Stati Uniti e Stoccolma
in Svezia.

Nell’anno in corso inoltre, l’azienda inaugurerà Fico  (Fabbrica italiana contadina), il parco tematico sull’alimentazione da 80mila metri quadri che sorgerà a Bologna e sul quale il gruppo fondato da Farinetti ha investito 100 milioni di euro. Lo scopo è quello di portare in Emilia “almeno sei milioni di visitatori di cui oltre un milione di turisti stranieri”.

Commenta