Condividi

E.On lancia una piattaforma per il trading di energia verde

Il gruppo dell’energia tedesco annuncia la partnership con la start up greenXmoney, una piattaforma di crowdfunding interamente dedicata al finanziamento di progetti per la produzione di energia rinnovabile (fotovoltaico e eolico)

E.On lancia una piattaforma per il trading di energia verde

E.ON si allea con con greenXmoney, start-up tedesca che opera una piattaforma di trading online per connettere i produttori di energia agli investitori privati. Collegandosi al portale www.eon.de/greenxmoney da oggi è possibile investire nell’energia fotovoltaica ed eolica in Germania con facilità, sicurezza e in maniera indipendente dal canale bancario.

Il funzionamento è semplice ed è simile a quello dei portali di crowdfunding. Questo però è interamente dedicato a finanziare progetti di energia verde: i proprietari di impianti fotovoltaici ed eolici possono registrarli sulla piattaforma greenXmoney; gli investitori possono confrontarli – basandosi sulla posizione, sulla dimensione, sui dati di produzione o ritorno sull’investimento – e decidere quindi su quale produttore di energia a basso costo investire. Con un pagamento unico di almeno €500, l’investitore acquista una porzione dei futuri ricavi generati dall’impianto fotovoltaico o eolico scelto. Il compratore non è tenuto a mantenere il proprio investimento fino alla data di scadenza e può rivenderlo in qualsiasi momento.

“La nostra partnership con greenXmoney costituisce un altro importante tassello per la nostra attività nell’ambito delle soluzioni energetiche digitali. Con il nostro sistema di accumulo e stoccaggio E.ON SolarCloud e con Google Sunroof offriamo nostri clienti una maggiore indipendenza energetica. Con greenXmoney, i nostri clienti che non hanno spazio per installare impianti di generazione hanno oggi un’opportunità di investire comunque nelle rinnovabili” ha dichiarato Karsten Wildberger, membro del Board di E.ON.

Il servizio si basa sulla pratica consolidata per gli accordi di factoring, crediti che greenXmoney chiama “watt”: i proprietari degli impianti vendono anticipatamente i rimborsi garantiti dal Renewable Energy Act (EEG), i compratori acquistano i rimborsi ricevendo in cambio una sostanziosa rivalutazione, con pagamenti semestrali.

E.ON detiene una quota del 21,5% in greenXmoney.

Commenta