Condividi

Draghi, pronto a difendere la Bce davanti al Parlamento tedesco

Il numero uno della Banca centrale europea ha dichiarato che accetterebbe “volentieri” un invito al Bundestag: “Sarebbe una buona occasione per spiegare quello che facciamo” – Inoltre Mario Draghi si è detto soddisfatto dei primi “risultati positivi” che sta mostrando lo scudo anti-spread.

Draghi, pronto a difendere la Bce davanti al Parlamento tedesco

Non sarà il parlamento tedesco la lancia in grado di spezzare lo scudo anti-spread di Mario Draghi. Il presidente della Banca centrale europea si è detto pronto a difendere l’operato dell’Eurotower davanti al Bundestag. In un’intervista al quotidiano bavarese Sueddeutsche Zeitung, Draghi ha affermato che “sarebbe una buona occasione per spiegare quello che facciamo”. Ma, lancia anche una frecciatina amaran, “Se il Parlamento mi inviterà, risponderò volentieri all’invito”.

Dopo il no di Weidmann al piano anti-spread e dopo la sentenza di Karlsruhe, che ha condizionato l’operato dell’Esm al voto del Parlamento tedesco, non è un caso che Draghi si sforzi di migliorare i suoi rapporti con il mondo politico della Germania, soprattutto date le dure reazioni del segretario generale del Csu, Alexander Dobrint, all’operato del numero uno della Bce.



Mario Draghi ha però voluto anche esprimere la sua soddisfazione oer quanto riguarda il suo nuovo programma di acquisto di titoli di Stato sottolineando come la misura stia già mostrando “risultati positivi”. “L’annuncio ha contribuito ad aumentare la fiducia nell’eurozona e la fiducia nell’euro nel mondo”, ha concluso, “I gestori di fondi stanno riportando il denaro in Europa e questo è positivo per l’economia dell’area euro”.

Commenta