Condividi

Clabo punta sugli Usa: acquistato il 51% di Hmc per oltre 2 milioni

La società quotata su AIM, specializzata in vetrine espositive per la ristorazione, rafforza la propria presenza nel suo terzo mercato di sbocco – Titolo sale in Borsa.

Clabo punta sugli Usa: acquistato il 51% di Hmc per oltre 2 milioni

Clabo, pmi italiana quotata a Piazza Affari sul segmento AIM Italia e specializzata in vetrine espositive per la ristorazione e in refrigerazione professionale, ha sottoscritto un accordo vincolante per l’acquisizione del 51% delle quote di Classe A della società statunitense Howard McCray per il valore 2,1 milioni di dollari (oltre a 200mila dollari per quote di Classe B).

Valutata 5,1 milioni di dollari, l’azienda statunitense ha realizzato 10,6 milioni di dollari di ricavi nei primi 11 mesi del 2017 e 0,75 milioni di ebitda. “L’acquisizione rappresenta un nuovo importante passo nel percorso di sviluppo del nostro gruppo – ha detto il presidente di Clabo Pierluigi Bocchini – Con il nuovo perimetro di attività ci poniamo l’obiettivo dei 60 milioni di euro di ricavi già nel 2018, che era il target 2020 del piano industriale. L’accorpamento di Clabo Usa in Hmc ci consentirà inoltre di ottenere risparmi per circa 600mila euro già nel primo anno di attività, quando prevediamo di ottenere un ebitda negli Usa di circa 1,2 milioni di euro. A livello consolidato l’obiettivo dei 7,5 milioni d euro di ebitda diventa possibile”.



L’acquisizione verrà finanziata con la liquidità a disposizione e, per un controvalore di 350mila dollari, con azioni proprie. Clabo consolida così la propria presenza negli Usa, terzo mercato di sbocco della società marchigiana e potrà disporre di una nuova base produttiva e logistica. Dopo la notizia il titolo Clabo guadagna a metà mattinata in Borsa il 5% a 3,2 euro per azione, e negli ultimi 12 mesi ha aumentato il proprio valore del 280% risultando tra i migliori titoli dell’AIM, indice dedicato alle pmi che nel 2017 è stato il migliore d’Europa con il +23%.

Commenta