Condividi

Calendario di FIRST Arte: dal 16 al 22 marzo

Tutti gli appuntamenti consigliati da FIRST Arte per le mostre della prossima settimana: spiccano Helmut Newton a Roma, Jeff Wall a Milano e Steve McCurry a Genova.

Calendario di FIRST Arte: dal 16 al 22 marzo

LE MOSTRE:

R O M A



Helmut Newton. White Women / Sleepless Nights / Big Nudes
La mostra raccoglie duecento fotografie comparse nei primi, leggendari volumi a stampa pubblicati da Helmut Newton. Nel volume White Women (1976), il fotografo porta il nudo nell’estetica fashion, ottenendo immagini così sorprendenti e provocatorie da rivoluzionare il concetto stesso di fotografia di moda, fino a farsi testimonianza della trasformazione del ruolo della donna nella società occidentale.

Fino al 21 luglio 2013
Palazzo delle Esposizioni

M I L A N O
JEFF WALL. ACTUALITY
Il PAC Padiglione d’Arte Contemporanea di Milano ospita dal 19 marzo al 9 giugno 2013 Actuality, la prima grande retrospettiva italiana del fotografo canadese Jeff Wall (Vancouver 1946), curata da Francesco Bonami e prodotta da Comune di Milano – Cultura Moda Design e Civita.

Fino al 9 giugno 2013
PAC Padiglione d’Arte Contemporanea 

V E N E Z I A

Birolli Deluigi Santomaso Vedova. Opere dalla Biennale di Venezia 1948
Una riflessione su un nucleo fondamentale di opere che, nel 1948, in occasione della XXIV Biennale di Venezia, entra a far parte delle collezioni della Galleria. Sono i lavori di Renato Birolli (Verona 1905 – Milano 1959) Trinité sur Mer del 1947; Mario Deluigi (Treviso 1901 – Venezia 1978) Omaggio a Luisella (1948) poi sostituito, su richiesta dello stesso artista, nel 1951 da Omaggio a Sara (1949); Giuseppe Santomaso (Venezia 1907- 1990), Interno n. 3 del 1947 ed Emilio Vedova (Venezia 1919 – 2006) Il guado, 1948..

Fino al 28 aprile 2013
Museo Ca’ Pesaro

G E N O V A 

Steve McCurry. Viaggio intorno all’uomo

La mostra è curata da Peter Bottazzi, che ha progettato il percorso espositivo, e da Biba Giacchetti. L’allestimento, di grande impatto scenografico, è studiato appositamente per gli ambienti del suggestivo Sottoporticato di Palazzo Ducale e differenziato in ciascuno degli spazi tematici
In mostra oltre 200 foto, stampate in vari formati, con una netta prevalenza delle grandi dimensioni; un’ antologia di tutta la produzione di McCurry, con numerose delle sue immagini più famose, a partire dal ritratto della ragazza afgana dagli occhi verdi, di cui è presentata tutta la storia, con scatti mai visti, un documentario di National Geographic proiettato in uno spazio dedicato e il materiale raccolto in giro per il mondo dallo stesso McCurry.

Prorogata fino al 7 aprile
Genova 


S I E N A

RESURREXI Dalla Passione alla Resurrezione.
Itinerario tra i capolavori del Complesso monumentale del Duomo di Siena in occasione dell’Anno della Fede
L’esposizione racconta, attraverso le preziose miniature che compongono i manoscritti su pergamena, le pitture a fresco e i dipinti su tavola, gli ultimi momenti della vita di Cristo articolati in un suggestivo percorso all’interno del complesso monumentale del Duomo di Siena. L’itinerario si sviluppa principalmente in due sedi: nella Cripta, un ambiente interamente affrescato, e nel Museo dell’Opera istituito nel 1860 per conservare i capolavori provenienti dalla cattedrale. Il ciclo figurativo che si dispiega lungo le pareti della Cripta annovera episodi del Vecchio e del Nuovo Testamento.

Fino al 31 Agosto 2013
Cripta sotto il Duomo di Siena – Museo dell’Opera


APPUNTAMENTI:

R O M A

CINEMENTE – rassegna di psicoanalisi e cinema – 2013

 

Al Palazzo delle Esposizioni si torna a riflettere sull’esperienza umana attraverso le prospettive del cinema e della psicoanalisi. Dopo il successo della prima edizione, Cinemente offre una nuova occasione per guardarci allo specchio unendo film, dedicati a temi centrali della nostra vita, all’analisi di registi e psicoanalisti messi a confronto. 

 

Venerdì 15 marzo, alle ore 20.30

The Wind di Victor Sjöström (USA, 1928, 96’, v.o. con didascalie in italiano)

segue incontro con Lucio Russo e Emiliano Morreale

Capolavoro del muto tra i più famosi della storia, western anomalo, visionario ed espressionista, dove la Natura selvaggia diviene la trappola infernale per la coscienza di una giovane innocente, interpretata dalla strepitosa Lillian Gish, vittima della brutalità umana.

 

sabato 16 marzo, ore 20.30

Il regista di matrimoni di Marco Bellocchio (Italia, 2006, 107’)

segue incontro con Anna Ferruta e il regista

Il grande cinema di Bellocchio scava nella profondità umana, dove il magico irrompe nel reale e lo frantuma: in una Sicilia misteriosa, tre riflessi dell’autore – un regista in crisi personale, uno di filmini di matrimoni e uno incompreso – ci ricordano che il cinema, come la vita, è solo la visione di un sogno.

 

domenica 17 marzo, ore 18.00

L’industriale di Giuliano  Montaldo (Italia, 2011, 94’)

segue incontro con Manuela Fraire e il regista

La crisi economica del nostro paese è il centro di questo film di grande attualità, teso e spietato dramma psicologico e sociale, che scava negli inferi dell’animo di un uomo al bivio di una doppia crisi, quella socioeconomica e quella privata, dei sentimenti.

 

mercoledì 20 marzo, ore 20.30

I cento passi di Marco Tullio Giordana (Italia, 2000, 114’)

segue incontro con Domenico Chianese e Monica Zapelli, sceneggiatrice

L’altra faccia della nostra società e il sacrificio di chi lotta per cambiarla. Ispirato a fatti realmente accaduti, ricostruisce con grande passione civile una pagina vergognosa della storia italiana: il martirio del giovane Peppino Impastato, che sfidò il potere della mafia con l’arma dell’ironia.

 

giovedì 21 marzo, ore 20.30

Reality di Matteo Garrone (Italia, 2012, 115’)

segue incontro con Lorena Preta e il regista

Fotografia folgorante e crudele di un Paese naufragato nel delirio mediatico, Reality è una favola nera che affonda nelle degenerazioni della nostra società, capace di sacrificare la dignità umana sull’altare della popolarità televisiva, fino allo smarrimento della propria identità e alla follia autodistruttiva.

 

venerdì 22 marzo, ore 20.30

I giorni dell’abbandono di Roberto  Faenza (Italia, 2005, 96’)

segue incontro con Matilde Vigneri, Margherita Buy e il regista

Le meschinità nascoste dietro i legami familiari viste attraverso l’esperienza di una donna abbandonata, interpretata da un’intensa Margherita Buy: scavo nella complessità delle reazioni emotive di fronte a un evento traumatico e viaggio di rinascita oltre la frantumazione interiore.

 

sabato 23 marzo, ore 20.30

Una sconfinata giovinezza di Pupi Avati (Italia, 2010, 98’)

segue incontro con Amalia Giuffrida e il regista

Pupi Avati affronta con delicatezza estrema il dramma della malattia: la demenza degenerativa, che stravolge e imprigiona la quotidianità dei malati e di chi li circonda, portando con sé il ritorno struggente all’infanzia, quasi una consolazione nel tramonto dell’esistenza.

 

domenica 24 marzo, ore 18.00

La nostra vita di Daniele Luchetti (Italia, 2010, 100’)

segue incontro con Loredana Micati e il regista

Il trauma del lutto che devasta l’equilibrio di una famiglia in un film furioso e vitale: sullo sfondo delle nostre periferie industrializzate, osserviamo il percorso del protagonista – un appassionato Elio Germano – che reagisce al dolore della perdita cercando di compensarla con una ricerca tutta materiale.

Informazioni

INGRESSO LIBERO FINO A ESAURIMENTO POSTI


Commenta