Condividi

Asia, l’Europa preoccupa le Borse

L’indice MSCI Asia Pacific precipitava dell’1% alle 9:48 del mattino a Tokyo, avvicinandosi alla peggior chiusura da maggio.

Asia, l’Europa preoccupa le Borse

I mercati asiatici sono calati insieme alle piazza principali a livello internazionale, a causa di preoccupazioni relative al rallentamento europeo. A creare tensione anche la decisione del governo di Hong Kong di interrompere le trattative con i dimostranti pro-democrazia. Lo yen ha mantenuto I propri livelli, mentre rame e petrolio erano in calo. L’indice MSCI Asia Pacific precipitava dell’1% alle 9:48 del mattino a Tokyo, avvicinandosi alla peggior chiusura da maggio. Il Topix calava dell’1,5 per cento. Lo yen per la prima volta da agosto  chiude la settimana in aumento, mentre il rame ha lasciato sul terreno lo 0,5 per cento.

“È un giorno in rosso e non c’è nulla all’orizzonte che possa spingere i mercati verso l’alto” commenta Ric Spooner, chief market analyst di CMC Markets Australia. “La debolezza europea è fonte d’inquietudine, così come i segnali di ammorbidimento della crescita cinese”.



L’australiano S&P/ASX 200 calava dell’1,8%, segnando la peggiore caduta giornaliera da agosto, mentre il Kospi  si contraeva dello 0,9% alla riapertura dei lavori dopo una giornata di vacanza. Oggi la piazza di Taiwan era chiusa. L’indice Asia-Pacific, che conta 989 azioni dalla Nuova Zelanda alla Corea, si avvia a chiudere la settimana con un ribasso dello 0,6 per cento.

Commenta