Condividi

Aiaf, Nicastro e De Felice a confronto

I risultati del “panel strategist” dell’Associazione italiana degli analisti finanziari saranno illustrati e discussi nella seconda parte del convegno Aiaf sulle “Prospettive per l’anno in corso”, che si terrà giovedì 24 a Milano presso l’Aula Magna di Unicredit – La giornata si aprirà con una tavola rotonda dedicata a problemi ed opportunità del 2013.

Aiaf, Nicastro e De Felice a confronto

Una maggior propensione al rischio rispetto ad ottobre. Ma, a temperare gli entusiasmi, provvede la maggior volatilità dei mercati europei rispetto agli Usa. E’ questo, in sintesi, il verdetto del “panel strategist” dell’Associazione italiana degli analisti finanziari, i cui risultati saranno illustrati e discussi nella seconda parte del convegno Aiaf sulle “Prospettive per l’anno in corso”, che si terrà giovedì 24 a Milano presso l’Aula Magna di Unicredit, in via Tommaso Grossi 10 con inizio alle 14 e 30. 

La giornata si aprirà con una tavola rotonda dedicata a problemi ed opportunità del 2013, in cui si confronteranno banchieri, economisti, imprenditori e consulenti di impresa. Tra questi Roberto Nicastro, direttore generale del gruppo Unicredit, Gregorio De Felice, chief economist di Intesa Sanpaolo, Aldo Fumagalli Rosario, ad del gruppo Sol, quotato alla Borsa di Milano e Nicola Pianon, senior partner di Boston Consulting Group. 



Nella seconda parte Giacomo Fedi, responsabile del panel strategist, spiegherà i risultati della rilevazione sulla base del modello elaborato dall’Aiaf che non si limita a d operare sulla base delle performances ma punta ad ottimizzare il rapporto tra il maggior rendimento e il minor rischio per l’investitore. Questa preoccupazione serve a spiegare la maggior cautela rispetto ai risultati di altri panel: la volatilità del mercato italiano (27%) rispetto a quello europeo (22%) e, soprattutto, all’indice S&P americano (17%) consiglia di non sovrappesare l’esposizione in azioni o in titoli high yield. 

Le prospettive dei mercati finanziari saranno oggetto anche delle relazioni di Maria Paola Toschi, market strategist di JP Morgan asset management e di Marco Vailati, responsabile di ricerca ed investimenti di assa Lombarda. 

Commenta