Condividi

ADR: Fiumicino diventa l’aeroporto della cultura

L’aeroporto è diventato il luogo simbolo in cui un viaggio comincia e finisce – Aeroporto Di Roma ha deciso di trasformare Fiumicino nel principale Hub della cultura capitolina, attraverso una serie di iniziative culturali volte ad intrattenere i viaggiatori – Parte oggi “Ciak si Vola”, con l’Orchestra Italiana Cinema che si esibirà presso le aree di imbarco del Terminal 1 suonando le colonne sonore dei principali compositori nazionali e internazionali

ADR: Fiumicino diventa l’aeroporto della cultura

Fiumicino diventa l’aeroporto della cultura, grazie alle iniziative proposte da Aeroporti di Roma, la società del gruppo Atlantia che gestisce e sviluppa gli aeroporti Fiumicino e Ciampino, allo scopo di intrattenere i viaggiatori che ogni anno partono e arrivano nel principale hub della Capitale.

Viaggiare non significa soltanto spostarsi da un luogo all’altro. Da sempre, la parola viaggio è sinonimo di esperienza, cultura, elevazione del proprio io. Da mero strumento, nel corso dei secoli si è trasformato in concetto, fino a diventare uno dei topos della letteratura moderna.



A distanza di secoli poco è cambiato. Viaggiare per studiare, viaggiare per lavorare, per conoscere, per accrescere la consapevolezza di ciò che si è attraverso l’osservazione e la pratica del diverso. Sono tanti i significati che si attribuiscono al concetto di viaggio e nessuno di essi sarà mai abbastanza onnicomprensivo da avvolgere in toto la definizione che i singoli utilizzerebbero in base al proprio vissuto.

Rispetto al passato però sono cambiate le modalità attraverso le quali si va da un posto all’altro del Paese o del mondo. Se ognuno descrivesse in maniera differente il “concetto”, la stragrande maggioranza di noi non esisterebbe ad indicare gli aeroporti come i luoghi simbolo di tutto ciò di cui abbiamo appena parlato. L’aeroporto è il luogo in cui il viaggio comincia, ma anche quello in cui finisce, e proprio per questo motivo è diventato esso stesso parte integrante dell’esperienza individuale.

Partendo da queste basi, Aeroporti di Roma ha deciso di andare oltre, trasformando il primo scalo della Capitale in un luogo in cui i viaggiatori possano entrare direttamente a contatto con la cultura e il patrimonio artistico romano e nazionale.

A partire dal 24 ottobre e fino al 14 dicembre, i passeggeri che transiteranno per Fiumicino potranno respirare la magia di grandi capitali come Roma e New York, il rapporto tra musica e cinema muto, l’unicità della tradizione musicale italiana grazie all’iniziativa “Ciak si Vola”, organizzata in collaborazione con l’Auditorium della Conciliazione.

Al centro dell’attenzione ci sarà l’Orchestra Italiana Cinema, che si esibirà presso le aree di imbarco del Terminal 1 – Molo B, con una serie di quattro concerti della durata di circa un’ora.

Ogni esibizione sarà dedicata alle colonne sonore di grandi film nazionali e internazionali. I viaggiatori avranno dunque la possibilità di  poter assistere agli spettacoli osservando le immagini dei film che saranno trasmesse su schermi in HD presenti nei vari Terminal.

Il primo appuntamento inizierà il 24 ottobre  alle 18.00 e sarà dedicato a quattro grandi compositori le cui colonne sonore hanno riscosso fama internazionale: Bacalov, Morricone, Piovani e Rota. Le musiche saranno eseguite dai maestri Gilda Buttà e Luca Pincini che si esibiranno al piano e al violoncello.

“Ciak si vola” rientra nelle iniziative di intrattenimento culturale e di promozione del territorio avviate da ADR per consentire ai viaggiatori degli aeroporti della Capitale di trascorrere piacevolmente il tempo a disposizione prima del viaggio e segue l’iniziativa realizzata per la Festa del Cinema. 

Aeroporti di Roma, in collaborazione con la Fondazione Cinema per Roma, è stata partner della Festa del Cinema collaborando all’accoglienza di attori e vip che hanno partecipato alla manifestazione cinematografica capitolina. 

Dall’inizio della manifestazione e fino alla sua conclusione, nell’area arrivi dell’aeroporto sono state attivate due differenti iniziative. La prima (allestita nell’area di riconsegna bagagli del Terminal 3) è consistita in un red carpet che ha accolto i passeggeri atterrati a Roma facendoli diventare “star per uno scatto”, grazie a un “fotopoint” dedicato, dove i viaggiatori hanno avuto la possibilità di scattare foto ricordo da riportare casa.

Anche in questo caso, lo scopo è stato quello di migliorare la qualità del tempo che il passeggero trascorre in aeroporto. Un modo per cercare di confermare gli ottimi risultati ottenuti nelle rilevazioni dell’Airport Council International (ACI), l’associazione internazionale che misura la qualità percepita dai passeggeri, che nel secondo trimestre 2016 ha assegnato al Leonardo da Vinci, il secondo posto tra gli hub europei con oltre 40 milioni di passeggeri.

Tra i vari piani realizzati da ADR nel corso degli ultimi anni, spicca la serie di concerti realizzati sul modello degli “Street Pianos” della stazione St. Pancreas di Londra e inaugurati con l’esibizione del 16 dicembre 2015 del Maestro Pappano, accompagnato dal Primo Violino Carlo Maria Parazzoli, nell’ambito dell’iniziativa “Santa Cecilia in Volo”.

Per l’occasione, nei pressi degli imbarchi situati nei Terminal 1 e 3, sono stati posizionati quattro pianoforti a coda che ancora oggi sono a disposizione di tutti i viaggiatori che hanno la possibilità di suonarli in libertà mettendo in scena piccole esibizioni musicali.

Di grande fascino il progetto “Incontra il Volo” che ADR ha realizzato allo scopo di ampliare l’offerta culturale e di intrattenimento a disposizione dei passeggeri, consentendo loro di incontrare personaggi e celebrità del mondo dello spettacolo (come Neri Marcorè e Antonio Giuliani), della musica, della cultura e dello sport grazie alle interviste realizzate dall’editorialista Enrico Cisnetto.

Da non dimenticare nemmeno l’iniziativa “Navigare il Territorio”, realizzata insieme alla Fondazione Benetton Studi Ricerche, nell’ambito della quale i viaggiatori hanno avuto la possibilità di visitare il Parco archeologico dei Porti Imperiali di Claudio e Traiano, l’unico porto romano giunto intatto al nostro tempo.

Navette dedicate , con partenza dall’aerostazione di Fiumicino, al Terminal 3, hanno dato la possibilità a curiosi ed appassionati di vivere l’eccellenza che solo tali posti possono dare al litorale che si espande a pochi minuti dal Leonardo da Vinci.

Occasioni perfette per cominciare il proprio viaggio culturale direttamente all’aeroporto.

Commenta