Condividi

Tutti pazzi per Fca: anche per Goldman è “Buy”

Mentre la Borsa attende i dati americani sul lavoro, brilla il gruppo guidato da Marchionne, che a metà seduta guadagna oltre il 3% grazie a una pioggia report che lo promuovono – Vola Digital Magics (+5,1%) dopo che una sua startup ha emesso un milione di euro di titoli convertibili per espandersi in Russia

Tutti pazzi per Fca: anche per Goldman è “Buy”

I broker internazionali stanno riscoperto i titoli italiani, dalle banche a Fiat Chrysler. Ma anche Piazza Affari , in prudente attesa dei dati del lavoro Usa del primo pomeriggio, arretra lo stesso: l’indice Ftse Mib perde mezzo punto percentuale attorno a quota 19.600, in linea con Parigi. Poco meglio fanno Francoforte e Madrid (-0,3%). Londra -0,08%.

L’indicatore di fiducia economica della zona euro è salito a 107,8 punti (consenso a 106,8), mentre quello dei consumatori è risultato pari a -5,1 punti, dai -6,1 di novembre.

Partenza in lieve rialzo per il mercato del debito: in apertura il differenziale di rendimento tra Btp e Bund sul tratto decennale viaggiava a 167 punti base, in lieve calo dai 169 della chiusura di ieri. Analogamente, il tasso del decennale di riferimento vale l’1,93%, in calo dall’1,94% della chiusura di ieri.

Il cambio euro-dollaro si stabilizza a 1,058, da 1,060 della chiusura di ieri. Intorno alle 11,00, la maggior parte delle divise scambia poco mossa in attesa dei dati sul mercato del lavoro statunitense in arrivo nel primo pomeriggio. Fa eccezione il cambio dollaro/yen, che vede il biglietto verde in rialzo dello 0,7%, a 116,10. Il peso messicano risulta pressoché piatto dopo il rialzo di ieri legato all’intervento della Banca centrale messicana.

Petrolio Brent invariato a 56,9 dollari. Saipem -1,7%. Stamattina Canaccord Genuity ha tagliato la raccomandazione a Sell da Hold ma ha alzato il prezzo obiettivo a 0,45 euro da 0,38 euro. Eni -0,1%.

Sul listino brilla la stella di Fiat Chrysler (+3,3% a 9,54 euro), premiata da una pioggia di giudizi positivi. Dopo l’upgrade di Mediobanca Securities (da 7 a 12 euro) e di Evercore (da hold a buy ), Goldman Sachs ha portato il target price a 16,5 euro (+66%) con giudizio ‘buy’ e ha aggiunto il titolo alla sua “conviction list”. Goldman ha anche migliorato le stime sull’ebit 2017 e 2018 rispettivamente del 21 e del 36% con una previsione di riduzione dell’indebitamento netto a 3,2 miliardi a fine 2018.

Nel listino italiano non si ferma la corsa del Banco Bpm (+4%). Hsbc ha alzato la raccomandazione a Buy, target price a 3,59 euro. Unicredit +0,6%, Intesa Sanpaolo +0,5%. Azimut +1%.

Nel Lusso, Moncler (+1,3%) incassa stamattina la promozione di SocGen, che alza il target price a 21,0 euro da 19,50 euro, rafforzando così la raccomandazione Buy. BNP Paribas ritocca il target a 19 euro da 17 euro, invariata la raccomandazione Neutral.

Analisti in movimento anche su Tod’s (-1%), su cui pesa la decisione presa da SocGen di tagliare la raccomandazione a Sell da Hold. Target 7 euro. Luxottica (-1%): SocGen ha tagliato la raccomandazione a Hold da Buy, alzando però il target price a 53 euro da 51 euro. Bnp Paribas ha confermato Outperform. Target a 59 euro da 55 euro.

StMicroelectronics è in calo del 2%. Il ceo Carlo Bozotti si è dichiarato ottimista sulla fine del 2016 e sul 2017.

Merita attenzione nel’Aim la performance di Digital Magics: +5,10% dopo che Buzzoole, una delle startup partecipate dal business incubator, ha emesso un milione di euro di titoli convertibili per sostenere il proprio piano di espansione del proprio business in Russia. Buzoole, fondata a Napoli nel 2013, dispone di una propria tecnologia di raccolta e analisi di big-data con cui aiuta i marchi (già 350) a individuare le soluzioni più adatte alle loro necessità pubblicitarie: il fatturato è salito nel 2016 a 2,5 milioni da 1,1 del 2015. 

Sono ad oggi 350 i brand coinvolti nelle attività di Buzzoole, con oltre 200 mila utenti, e un fatturato 2016 che al momento è stimato sopra i 2,5 milioni di euro, in forte crescita da 1,1 milioni di euro nel 2015 e 100 mila euro nel 2014 (in due anni i ricavi sono cresciuti di 25 volte).

Commenta