Condividi

Tecno lancia “Talents” e cerca giovani talenti a servizio dell’Industria 4.0

Il gruppo industriale di Giovanni Lombardi lancia il progetto biennale finalizzato al coinvolgimento di giovani talenti dotati di spirito imprenditoriale e conoscenza del mondo digitale all’interno della società. Saranno 120 le posizioni offerte

Tecno lancia “Talents” e cerca giovani talenti a servizio dell’Industria 4.0

Tecno, gruppo industriale che opera nel settore dei servizi alle imprese per il risparmio energetico e la sostenibilità ambientale, ha lanciato il progetto biennale “Talents”. Il programma permetterà a 120 giovani talenti di entrare all’interno del gruppo per sviluppare nuovi modelli di Imprenditoria innovativa

La società, entrata a dicembre nella lounge di Deloitte dedicata ad alcune tra le migliori aziende italiane di Elite (il programma internazionale nato in Borsa Italiana nel 2012 in collaborazione con Confindustria e dedicato alle aziende più ambiziose, con un modello di business solido e una chiara strategia di crescita), ricerca giovani in grado di arricchire l’organico. Si tratta di figure specializzate che abbiano le competenze tipiche dell’Industria 4.0: ingegneri, professionisti del settore digitale, sviluppatori, programmatori, risorse umane, esperti in fiscalità internazionale e Country Manager.

Tecno, che ha il suo quartier generale a Napoli alla Riviera di Chiaia in Palazzo Ischitella, e sedi a Milano, Bologna, Treviso, Berlino e Parigi, conta oltre 2500 aziende clienti in tutti i settori industriali, tra cui Cartiere Burgo, Italcementi, Fincantieri, e Pavimental.

Nel 2005 Tecno è stata una delle prime aziende italiane a conseguire la qualifica di ESCo – Energy Service Company – accreditandosi presso l’AEEG (Autorità Energia Elettrica e Gas), per certificare gli interventi energetici.

“Valorizzare i talenti laureati nelle università italiane è imprescindibile per chi vuol fare impresa mirando a una crescita costante” ha sottolineato Giovanni Lombardi, fondatore di Tecno nel 1999. “Nel nostro Gruppo trovano facile collocazione giovani brillanti provenienti dai migliori Atenei italiani. Puntiamo allo stesso a modo a promuovere competenze e capacità dei tecnici e di ogni singolo dipendente che contribuisce al progetto Tecno. Siamo un player di livello europeo anche e soprattutto grazie ai nostri giovani grandi talenti”.

I candidati devono avere un background eterogeneo e un profilo qualificato. Sarà proposto un percorso lavorativo “stimolante, trasversale e ricco di momenti di formazione, sia interna che esterna all’azienda, volti al consolidamento dell’ambiziosa strategia aziendale”. E’ possibile candidarsi inviando il proprio cv a talents@tecnosrl.it .

“La mission di Tecno  – ha aggiunto Lombardi –  è quella di essere partner dei clienti in tutte le strategie e le azioni per la sostenibilità grazie a soluzioni tecnologiche avanzate, frutto di brevetti interni, che garantiscono risparmi sui consumi energetici e ottimizzazione delle risorse. Le nostre leve competitive sono le risorse umane e la ricerca. Con il nostro team accompagniamo i clienti nelle diverse fasi, da quella preliminare, quando gli esperti valutano e quantificano il risparmio ottenibile senza chiedere alcun onere, a quelle successive, quando si procede all’elaborazione della strategia da adottare per l’ottenimento del risparmio energetico. I clienti ci scelgono consapevoli che il nostro costante investimento di oltre il 6% del fatturato in ricerca e innovazione rappresenta l’unica garanzia per la crescita in chiave di sostenibilità e competitività.

“Da qualche anno – continua Lombardi – abbiamo diversificato in attività dove la matrice comune è costituita da open innovation, tecnologia e digitale, affermandoci anche come incubatore industriale di imprese. Grazie al lavoro del nostro comitato scientifico coordinato dal direttore del Dipartimento di Ingegneria Elettrica e delle Tecnologie dell’Informazione dell’Università  Federico II e direttore scientifico della IOS Developer Academy di Napoli, Giorgio Ventre, stiamo acquisendo sia start-up tecnologiche che partecipazioni strategiche al fine di integrare nuovi servizi”.

Commenta