Condividi

Postepay: una sola App per telefonate e pagamenti anche con QR code

Si rafforza la presenza della società dei pagamenti di Poste dopo gli accordi con PagoPa e la nuova App che, dal 2020, consentirà di pagare anche tramite QR code

Postepay: una sola App per telefonate e pagamenti anche con QR code

Postepay rafforza il suo peso sul sistema dei pagamenti elettronici in in Italia. E l’occasione per fare il punto sulla presenza della società di Poste italiane è stata il Salone dei Pagamenti a Milano. Forte di oltre 27 milioni di carte di pagamento, 11 milioni circa di download della App Postepay e 5 milioni di wallet digitali, Postepay ha rinforzato la sua posizione anche grazie ad alcuni accordi firmati di recente.  

Tra questi va ricordata l’intesa siglata con la neocostituita PagoPA Spa, la società interamente partecipata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze e vigilata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, che ha lo scopo di industrializzare e diffondere la piattaforma PagoPA e occuparsi dei temi legati alla cittadinanza digitale. PostePay è la prima tra le società del settore ad aver firmato l’intesa con PagoPA Spa entrando come player nel sistema nazionale dei pagamenti verso la Pubblica Amministrazione.  



Tra le altre novità presentate a Milano c’è il nuovo servizio di pagamento digitale con App Postepay tramite QR Code. Circa 5 milioni di clienti potranno con la modalità innovativa del wallet Postepay pagare utilizzando i punti vendita convenzionati. La nuova offerta sarà lanciata all’inizio del 2020 in particolare per operatori commerciali e liberi professionisti. 

È stata infine svelata in anteprima la nuova versione della App Postepay, che in continuità con il percorso di integrazione mobile e pagamenti avviato lo scorso anno con Postepay Connect, consentirà di gestire anche tutti i servizi Postepay inclusi quelli di telefonia mobile. 

“Si rafforza così – precisa un comunicato del gruppo – il ruolo di Poste Italiane al servizio della modernizzazione e digitalizzazione del Paese, attraverso la convergenza dei propri canali fisici e digitali al servizio di cittadini, imprese e Pubblica Amministrazione”. 

Commenta