Condividi

Palaexpo, Roma – Bernabè e tutto il cda si dimettono contro i tagli di Marino

Franco Bernabè, già presidente della Biennale e manger di fama internazionale, s’è dimesso insieme a tutto il Cda del Palexpo di Roma in sgeno di protesta contro le inadempienze del Comune e i tagli lineadi del sindaco Marino che rendono impossibile lo sviluppo delle attività – I finanziamenti erano scesi da 14 a 8 milioni

Palaexpo, Roma – Bernabè e tutto il cda si dimettono contro i tagli di Marino

Un’altra tegola per il sindaco di Roma, Ignazio Marino, sempre più nella bufera dopo il pressing del premier Matteo Renzi perché si dimetta per manifesta inadeguatezza.

Ieri Franco Bernabè, manager di fama internazionale e già presidente della Biennale di Venezia, s’è dimesso insieme a tutto il cda dal Palaexpo di Roma in segno di protesta contro i tagli lineari del Comune di Roma che ha ridotto i finanziamenti da 14 a 8 milioni.



I tagli, ha spiegato Bernabè che ha seccamente negato ogni collegamento politico con lo scontro in atto tra Renzi e Marino, rendono impossibile  lo sviluppo delle attività di un’azienda che, oltre al Palazzo delle Esposizioni, comprende le Scuderie del Quirinale e la Casa del Jazz e che lo stesso Bernabè aveva proposto di riorganizzare ampiamente, d’intesa con la Regione e il Ministero dei Beni culturali.

Il Palaexpo ha accresciuto i ricavi da biglietteria del 14% e quelli da sponsor del 44% (“Con gli sponsor siamo più ricchi del Louvre” ha sottolineato Bernabè) ma con un taglio così drastico dei finanziamenti pubblici, inizialmente promessi dal sindaco, non ce la può fare e per questo ha sospeso la firma del nuovo contratto di manutenzione. Di qui le dimissioni dell’intero vertice.

Commenta