Condividi

Onde gravitazionali, Einstein aveva ragione

Confermata la scoperta scientifica più importanti del secolo. Grazie allo strumento Ligo, gli scienziati sono riusciti ad osservare e a provare l’esistenza delle onde gravitazionali.

Onde gravitazionali, Einstein aveva ragione

E’ arrivata la conferma che tutto il mondo stava aspettando: le onde gravitazionali esistono davvero e gli scienziati sono riusciti ad osservarle. Albert Einstein aveva dunque ragione.

L’annuncio è arrivato oggi alle 16.30 (ora italiana) in contemporanea con gli Stati Uniti. “E’ la prima rilevazione diretta delle onde gravitazionali” ed “apre un nuovo capitolo dell’astronomia”, ha detto il coordinatore della collaborazione scientifica Virgo, Fulvio Ricci, presentando i dati.



A rilevare le onde gravitazionali è stato lo stromento Ligo (Laser Interferometer Gravitational-Wave Observatory), grazie al quale gli scienziati sono riusciti ad osservare le increspature nel tessuto dello spazio-tempo prodotte da due buchi neri in collisione.

L’analisi dei risultati è stata effettuata in collaborazione tra Ligo e Virgo. Quest’ultima è parte dello European Gravitational Observatory (Ego) fondato e finanziato da Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) e Consiglio nazionale delle ricerche francese (Cnrs). 

Le onde gravitazionali sono le increspature dello spazio-tempo generate da eventi cosmici violenti. A livello esemplificativo possiamo immaginare le onde prodotte quando si lancia un sasso in uno stagno. Albert Einsten le aveva ipotizzate circa un secolo fa e a quasi cento anno di distanza gli scienziati sono riusciti a provarlo.

Commenta