Condividi

New York: le maschere di Romuald Hazoumè

Molto apprezzate dai mercati europei, le maschere africane sono diventate motivi ricorrenti nelle opere d’arte delle avanguardie europee del ventesimo secolo.

New York: le maschere di Romuald Hazoumè

Questa è la seconda mostra (dal 5 settembre al 13 ottobre) di Gagosian – NY – del lavoro di Hazoumè dopo una mostra del 2016 a Parigi, e la sua prima mostra personale a New York dal 1999. L’arte di Hazoumè – che spazia tra scultura, fotografia, cinema e suono – assorbe e affronta le complesse realtà della vita contemporanea in Benin e le più ampie ramificazioni della politica panafricana. Un bricoleur la cui moneta formale si trova spesso in materiali riciclati – per esempio, il bidone di plastica da cinquanta litri, o tanica, un alimento locale per l’acquisto illegale di benzina economica dalla Nigeria – Hazoumè usa strategie di ripetizione e ricombinazione per creare opere eleganti potenza i cui effetti sono intensificati dal gioco di parole dei suoi titoli. Le maschere sono forse l’aspetto più noto dell’arte di Hazoumè.

Nella cultura yoruba, le maschere hanno avuto per lungo tempo importanza cerimoniale e simbolica, poiché la testa e il volto sono spesso considerati il ​​luogo del destino di una persona.



Liberati da scopi rituali o sociologici, le maschere di Hazoumè adattano consapevolmente i significanti dello scambio africano-europeo con le realtà contemporanee. Composto da contenitori di benzina in plastica e altri materiali di scarto, le maschere vengono caricate con sottotesto, ricordando gli uomini e le donne beninesi che, incapaci di trovare un impiego legale, sono costretti a trasportare benzina di contrabbando tra le fonti nigeriane e i loro consumatori beninesi per sopravvivere .

Ogni maschera raggiunge una vivida qualità di illusione poiché Hazoumè impregna oggetti inanimati con qualità che alludono a una storia di vita o storia. Toupieman (2018), fatto di una bottiglia di plastica arancione e quello che potrebbe essere un pennello per la pulizia della casa, porta tre aperture scavate, come due occhi e una bocca, che potrebbe significare risate, parole o un grido. Algoma (2016) prende il nome dai birmani che hanno fornito all’artista la scopa di crine che è in cima a questa maschera, che rende omaggio ai rifugiati Rohingya cacciati dal Myanmar. La scultura Alagbada (2018) prende il nome dalla parola Yoruba che significa “quella che indossa il vestito” o “il porta abiti”. Lo spirito di Alagbada è una guida o un esploratore che indica la strada con il movimento rapido del suo vestito; mostrando solo la veste di Alagbada, Hazoumè evoca una presenza, o un essere, nello stesso modo delle sue maschere.
L’opera di Hazoumè, con i suoi simboli stratificati, attira l’attenzione sulle persistenti conseguenze della corruzione e della sottomissione in tutta l’Africa. Immediate e arrestanti, le sue opere incarnano l’ordine mondiale come un ecosistema interdipendente, sottolineando la sua interconnessione e la sua asimmetria con arguzia e irriverenza. Senza fornire interpretazioni prescrittive delle storie che intreccia, le opere di Hazoumè sfidano lo spettatore a cimentarsi con gli assemblaggi alle loro condizioni, resistendo alla didattica, mentre la loro precisione abbagliante parla da sé.

Romuald Hazoumè è nato nel 1962 a Porto-Novo, nel Benin, e vive e lavora a Cotonou, nel Benin. Il suo lavoro è incluso in collezioni pubbliche tra cui il British Museum, a Londra; Museo Barbier-Mueller, Ginevra; Fondation Zinsou, Cotonou, Benin; Galleria d’arte del Queensland | Galleria d’arte moderna (QAGOMA), Brisbane, Australia; Neue Galerie, Museumslandschaft Hessen Kassel, Germania; e Walther Collection, Neu-Ulm, Germania. Le mostre personali includono La Bouche du Roi, Menil Collection, Houston (2005, viaggio al Musée du Quai Branly, Parigi, 2006, e al British Museum, Londra, 2007); ARTicle 14, Romuald Hazoumè, World Museum, Liverpool, Inghilterra (2006); Romuald Hazoumè: My Paradise-Made a Porto-Novo, Gerisch-Stiftung, Neumünster, Germania (2010); Irish Museum of Modern Art, Dublin (2011); Romuald Hazoumè: solidarietà solidale con occidentali in via di estinzione, Kunsthaus Graz, Austria (2013-14); e Romuald Hazoumè: Dance of the Butterflies, Manchester Museum, Inghilterra (2015).
Hazoumè ha partecipato alla Biennale di Lione, in Francia, alla Biennale di Gwangju, alla Corea del Sud (entrambe del 2000) e alla 3a Biennale di Mosca di Arte Contemporanea (2009). Ha ricevuto l’Arnold Bode Prize per la sua partecipazione al documenta 12 (2007).

ROMUALD HAZOUMÈ

Algoma, 2016
Plastic and raffia
21 5/8 x 15 3/4 x 7 7/8 in
55 x 40 x 20 cm
Romuald Hazoumè © 2018 Artists Rights Society (ARS), New York / ADAGP, Paris
Courtesy Galerie Magnin-A, Paris and Gagosian

Commenta