Condividi

Musei statali gratis a Pasqua

Il Ministero dei Beni Culturali conferma anche per Pasqua l’iniziativa #Domenicalmuseo che prevede l’ingresso gratuito nei luoghi della cultura statali – Porte aperte per entrare senza biglietto al Colosseo, agli scavi di Pompei e Metaponto, al Museo di Palazzo Ducale a Mantova, alla Galleria degli Uffizi a Firenze.

Musei statali gratis a Pasqua

Due buone notizie per gli amanti dell’arte e della storia archeologica del nostro Paese. Il ministero dei Beni Culturali ha reso noto che i musei, le aree archeologiche e i luoghi della cultura statali resteranno aperti sia la domenica di Pasqua che il lunedì di Pasquetta.

Inoltre, nella domenica di Pasqua, 5 aprile, si potrà entrare gratis nei musei e nelle aree archeologiche statali in virtù dell’iniziativa ministeriale #DomenicalMuseo che prevede la gratuità di tutti i musei e le aree archeologiche in tutte le prime domeniche del mese. Dunque domenica non solo si potrà festeggiare la Pasqua visitando monumenti, gallerie, musei, scavi, parchi e giardini monumentali dello Stato ma si beneficerà dell’evento #DomenicalMuseo che prevede l’ingresso gratuito in centinaia di luoghi della cultura statali.

Se pensate di trascorrere una giornata di Pasqua differente dal solito e senza spendere nemmeno un euro allora perchè non visitare, ad esempio, l’Area archeologica di Metaponto al mattino e spostarsi il pomeriggio al Museo archeologico di Sibari oppure entrare nello splendido teatro romano di Benevento e poi rimanere accecati dalla bellezza della Reggia di Caserta o fare una passeggiata nella storia dell’antica Roma tra le rovine del foro Romano e Palatino e poi restare a bocca aperta guardando lo spettacolo delle splendide fontane di Villa d’Este a Tivoli, in provincia di Roma o ancora scegliere fra le tantissime opportunità offerte dalle bellezze della città di Firenze.

Per tutte le informazioni sugli orari di apertura e sui siti culturali dello Stato aperti per l’iniziativa #Domenicalmuseo vi invitiamo a consultare il sito internet del ministero dei Beni Culturali.

Commenta