Condividi

Manovra approvata, ora tocca al decreto fiscale

Dopo l’ok alla fiducia sulla Manovra, in Senato arriva il decreto fiscale – Anche in questo caso è prevista la fiducia, voto nel tardo pomeriggio – Ecco tutto ciò che c’è da sapere

Manovra approvata, ora tocca al decreto fiscale

Ennesima giornata campale in Senato, dove oggi, 17 dicembre, è il giorno del decreto fiscale. Con tempi serratissimi Palazzo Madama dovrebbe approvare il provvedimento, già modificato alla Camera, senza apportare alcuna modifica. Come avvenuto per la legge di Bilancio 2020, che ha ricevuto l’ok nella tarda serata del 16 dicembre, anche in questo caso il Governo dovrebbe porre la fiducia.

Il decreto fiscale è approdato in Aula senza che la commissione Finanze sia riuscita a portare a termine l’esame del provvedimento. L’assemblea ha cominciato ad esaminare il Dl fisco già in mattinata, mentre il voto sulla fiducia è atteso nel tardo pomeriggio. Una volta archiviato questo passaggio, che rappresenta la seconda lettura senza cambiamenti, il decreto fiscale sarà ufficialmente legge.

Al suo interno sono contenute novità importanti: dal carcere per i grandi evasori alle nuove regole sui Pir, passando per lo stop alle sanzioni per i commercianti che non si dotano di pos, la Tampon Tax e la possibilità di applicare l’Rc auto familiare anche su scooter e moto.

Passando alla Manovra, ieri sera il Senato ha approvato la fiducia al maxiemendamento con 166 voti a favore e 128 contrari dopo un pomeriggio di forti polemiche causate dallo stralcio in extremis di 15 norme e da una settantina di correzioni fiscali. Ad essere esclusi dal maxiemendamento alla legge di Bilancio 2020 sono stati, tra le altre cose, il rinvio dell’entrata in vigore del mercato libero per l’energia, la tobin tax sulle transazioni finanziarie online e la norma sulla liberalizzazione della cannabis light.

Dopo l’ok alla fiducia del Senato, il testo passa nuovamente alla Camera. Sostanzialmente però Montecitorio si limiterà ad approvare quanto deciso da Palazzo Madama senza apportare ulteriori modifiche. La legge è blindata e dovrà essere approvata prima di Natale. Salvo imprevisti la Manovra 2020 è ormai in cassaforte. Tra le misure principali che entreranno in vigore l’anno prossimo figurano lo stop all’aumento dell’Iva, un taglio da 3 miliardi delle tasse per i lavoratori (da luglio), la plastic e la sugar tax. Il testo prevede inoltre che nei prossimi tre anni dovranno essere disinnescati 47 miliardi di aumenti di Iva e accise: 20 miliardi nel 2021 e 27 nel 2022.

One thought on “Manovra approvata, ora tocca al decreto fiscale

Commenta