Condividi

Leonardo corre con Trump

Dopo l’annuncio del presidente Usa di voler aumentare in modo “storico” le spese per la Difesa Usa, è in rialzo il settore in Europa

Leonardo corre con Trump

La promessa di un “aumento storico” delle spese per la Difesa fatta lunedì dal presidente americano Donald Trump mette in fermento l’intero comparto mondiale. A Piazza Affari ne approfitta Leonardo, che mette a segno la migliore prestazione del Ftse Mib guadagnando l’1,79% a 13,08 euro nella prima ora di contrattazione. Sono passati di mano 1,2 milioni di pezzi a fronte dei 2,6 milioni di media in un’intera seduta dell’ultimo mese. A livello europeo i rialzi coinvolgono anche Thales (+0,9%) e Airbus (+0,67%) a Parigi, Rolls Royce (+1,82%) e Bae Systems (+2,51%) a Londra.

Trump, ricordano gli analisti di Equita, “ha annunciato un aumento delle spese militari 2018 del 10% annuo (pari a un incremento di circa 54 miliardi di dollari) finalizzato ad aumentare truppe, navi e aerei in servizio”. Il piano definitivo farà parte della legge finanziaria che dovrebbe essere preparata entro fine marzo. “Se confermato – notano gli esperti – è ragionevole pensare che i principali beneficiari siano i grandi player della difesa americani, ma riteniamo probabile qualche ricaduta positiva anche per Drs”, la controllata Usa di Leonardo, “che rappresenta circa il 13% del fatturato e il 10% dell’ebitda di gruppo”.



Commenta