Condividi

Ita Airways decolla: inizia l’era del post-Alitalia

Debutta nei cieli la compagnia nata dalle ceneri di Alitalia – Cambia il nome e il colore degli aerei, ma il personale ha ancora le vecchie divise – Il Presidente: “Non saremo per sempre una compagnia stand alone”

Ita Airways decolla: inizia l’era del post-Alitalia

L’era del dopo-Alitalia è iniziata. Alle 7.35 di questa mattina è atterrato il primo volo di Ita Airways, la compagnia nata dalle ceneri dell’ex vettore di bandiera. Per il viaggio inaugurale è stata scelta la tratta Milano-Bari.

Ma cosa è cambiato rispetto a prima? Bruxelles chiedeva una trasformazione radicale per dare il via libera all’operazione: in caso di continuità aziendale, infatti, l’Italia violerebbe le norme comunitarie sugli aiuti di Stato.



Di fatto, però, oltre al nome della società sembra essere cambiata solo il colore degli aerei, che da bianchi sono diventati azzurri, con una banda tricolore sulla coda. A sentire i passeggeri del primo viaggio, gli assistenti di volo indossano ancora le divise dell’Alitalia.

Peraltro proprio ieri, a conclusione della procedura di offerta pubblica, Ita si è aggiudicata per 90 milioni di euro il marchio Alitalia Spa e il dominio www.Alitalia.com.

“Da oggi il nome dell’azienda è questo: Ita Airways – ha detto l’amministratore delegato della compagnia, Fabio Lazzerini, durante la conferenza stampa per il decollo della NewCo – È un nome che guarda avanti, guarda al futuro”, anche se “abbiamo voluto mantenere i colori: verde e rosso sono gli stessi di Alitalia, e l’acquisto del marchio di ieri rispecchia questa logica: non disperdere un valore”.

Quanto alle prospettive per il futuro, il presidente Alfredo Altavilla ha precisato che “Ita non nasce per essere un operatore stand alone per sempre. Sarebbe un obiettivo irrealistico, un inutile desiderio di grandezza. Ita nasce per diventare un elemento importante e strategico all’interno di uno dei grandi network di settore”.

Ma quale sarà, allora, il futuro partner di Ita? Lufthansa, Air France-Klm o Delta? “Sono assolutamente agnostico – ha risposto Altavilla – Guardo in qualunque direzione, dovunque ci sia l’opportunità di creare valore per Ita. È  un processo cui cominceremo a lavorare dalla settimana prossima: riteniamo importante chiuderlo entro il 2022”.

Per quanto riguarda la situazione dei lavoratori, “mi rammarico di non essere arrivato alla partenza di Ita Airways con un accordo fatto” con i sindacati sul contratto, ha continuato il Presidente della compagnia, “ma sono assolutamente fiducioso che i passi avanti importanti fatti negli ultimi giorni ci consentiranno di risederci presto al tavolo per la ridefinizione dell’accordo”.

Infine, un proposito finanziario: “Dobbiamo dimostrare al contribuente italiano che questa volta staremo attenti all’uso che facciamo del loro capitale – ha concluso Altavilla – Questo è l’obbligo che ci sentiamo chiaro in testa. Questo deve essere il vero cambiamento di mentalità”.

Commenta