Condividi

Istat, il 2014 porta l’aumento delle retribuzioni: a gennaio miglioramento su base annua e mensile

Nel primo mese dell’anno i dati registrano un miglioramento per le retribuzioni contrattuali – Bene soprattutto i settori energia e petroli, estrazione minerali e telecomunicazioni – Variazione nulla per la Pa – Ancora due lavoratori su tre in attesa di rinnovo.

Istat, il 2014 porta l’aumento delle retribuzioni: a gennaio miglioramento su base annua e mensile

Buste paga in aumento a gennaio. Secondo l’Istat nel mese scorso le retribuzioni contrattuali orarie sono cresciute dell’1,4% su base annua e dello 0,6% rispetto a dicembre. In particolare, c’è stato un incremento tendenziale dell’1,8% per il settore privato e una variazione nulla per i dipendenti della pubblica amministrazione.

I settori che a gennaio mostrano gli aumenti maggiori su base annua sono energia e petroli (4,6%), estrazione minerali (4,3%) e telecomunicazioni (4%). Variazioni nulle, invece, in tutti i comparti della pubblica amministrazione.



Due lavoratori su tre sono in attesa del rinnovo contrattuale, la quota più elevata dal 2008. Alla fine di gennaio – afferma l’Istat – la quota dei dipendenti in attesa di rinnovo è del 66,2% nel totale dell’economia e del 56,3% nel settore privato. Una percentuale così alta non si raggiungeva dal gennaio di sei anni fa, quando i lavoratori che aspettavano il rinnovo erano il 73,2%.

Commenta