Condividi

Golf, i Molinari in Galles

L’appuntamento della settimana, per il golf, è quello dell’ISPS Handa Wales Open, al quale parteciperanno i fratelli Molinari, Andrea Pavan e Marco Crespi – Rory McIlory vince il titolo di giocatore dell’anno del circuito Usa, mentre si attende il rientro di Tiger Woods.

Golf, i Molinari in Galles

Il golf internazionale questa settimana parla anche italiano grazie ai fratelli Edoardo e Francesco Molinari che, con Andrea Pavan e Marco Crespi, partecipano all’ISPS Handa Wales Open in corso da oggi a domenica, in Galles.

Francesco torna in campo dopo 15 giorni di pausa, mentre Edoardo è reduce dalla buona prova (11esimo) al KLM Open, vinto dall’inglese Paul Casey, a sua volta al tee di partenza nell’open gallese. 



Del field, di ottimo livello, fanno parte anche alcuni componenti della squadra europea di Ryder come Jamie Donaldson, Stephen Gallacher, Lee Westwood e Thomas Bjorn. A una settimana dall’inizio del super evento si tratta di una buona occasione per acclimatarsi e per misurarsi con i tracciati di stampo britannico.

Il montepremi è di 2,250 milioni di euro, 300.000 dei quali andranno al vincitore. Diretta su Sky Sport ogni giorno, con replica in sintesi in serata.

Dall’altra parte dell’Oceano intanto ll Pga tour riposa, ma Rory McIlory vince il titolo di giocatore dell’anno del circuito Usa, un premio che la scorsa stagione andò a Tiger Woods. Rory nel calendario 2013-2014 ha conquistato ben 4 trofei, fra cui due major e riceve il prestigioso titolo di giocatore dell’anno per la seconda volta nella sua breve e luminosissima carriera.

Per quanto riguarda Woods invece l’appuntamento resta fissato a dicembre. l’Ex numero uno del mondo, in una recente apparizione pubblica, ha detto di non essere ancora pronto fisicamente a riprendere il gioco agonistico e di limitarsi, per ora, a qualche swing senza palla. Non ci sono novità nemmeno per un eventuale nuovo allenatore, dopo il licenziamento di Sean Foley.

Dal mondo dei big c’è da segnalare infine il divorzio consensuale fra il numero due del mondo Adam Scott e il suo caddie Steve Williams (ex di Tiger). Il sodalizio, durato tre anni, ha fruttato a Scott il suo primo major (il Masters 2013) e un breve periodo di leadership mondiale. Williams, che ha 50 anni, aveva annunciato da tempo il suo ritiro, ma promette che cercherà di fare il caddie “part-time”, qualsiasi cosa questo significhi.

Commenta