Condividi

Fs: nel 2050 mobilità sostenibile, zero CO2 e più sicurezza

Il gruppo guidato da Gianfranco Battisti ha presentato il rapporto di sostenibilità. Negli ultimi 10 anni investiti 55 miliardi per tagliare CO2 e tempi di percorrenza. Gli obiettivi 2030-2050

Fs: nel 2050 mobilità sostenibile, zero CO2 e più sicurezza

Mobilità sostenibile, sicurezza, emissioni zero (carbon neutrality). Fs Italiane ha presentato a Roma il rapporto e gli obiettivi di sostenibilità 2030-2050, un documento che prevede di raggiungere 5 delle 17 finalità stabilite dalle Nazioni Unite: “migliorare la sostenibilità delle infrastrutture; promuovere l’innovazione e l’industrializzazione; rendere le città inclusive, sicure, durature; combattere il cambiamento climatico; incentivare la crescita economica e l’occupazione; rafforzare le partnership a livello mondiale per sostenere lo sviluppo sostenibile”, spiega la società in una nota.

Presenti all’evento, Danilo Toninelli, ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Gianluigi Castelli, presidente di FS Italiane, e Gianfranco Battisti , amministratore Delegato del gruppo.



MOBILITÀ, SICUREZZA, EMISSIONI

Scendendo nei dettagli del nuovo piano, FS Italiane punta ad aumentare il numero di passeggeri, incentivando i cittadini a lasciare a causa l’auto privata scegliendo il trasporto pubblico. Secondo i dati del Conto Nazionale delle Infrastrutture e dei Trasporti, nel 2015 circa il 77% delle persone ha usato l’auto privata e solo il 17,5% ha invece altri mezzi più ecosostenibili come treno, tram, funivie, trasporti urbani e extraubani.

La mobilità sostenibile non riguarda però solo le persone ma anche le merci. In quest’ambito il gruppo guidato da Gianfranco Battisti mira a trasferire il 50% del trasporto merci su ferro entro il 2050. In materia di sicurezza invece lo scopo è quello di azzerare “entro il 2050 gli eventi mortali tra le persone che scelgono i mezzi del Gruppo per i propri spostamenti, tra i propri dipendenti, quelli delle aziende appaltatrici e tra le persone che interagiscono con il sistema ferroviario. Entro il 2030, gli incidenti mortali sulle strade di competenza Anas dovranno essere ridotti del 50% rispetto al 2015”, preannuncia il gruppo.

Dal punto di vista ambientale invece l’obiettivo principale è quello di diventare, in un orizzonte trentennale, carbon neutral in riferimento sia all’energia acquistata sia a quella autoprodotta dalle Società del Gruppo (inclusa l’energia da trazione su ferro e su gomma) e usata per gli impianti fissi (officine, stazioni, uffici, gallerie, strade).

IL RAPPORTO DI SOSTENIBILITÀ

Nel corso della presentazione Fs ha riepilogato quanto fatto negli ultimi 10 anni, dal 2008 al 2018: “oltre 55 miliardi di euro investiti per migliorare infrastrutture e servizi; circa 20 milioni di tonnellate di CO2 in meno emesse in atmosfera, con le persone che hanno scelto il treno invece dell’auto privata; 18,5 milioni di ore risparmiate per tempi di viaggio inferiori del 25%, grazie all’alta velocità; 80 miliardi di euro distribuiti agli stakeholder (acquisto beni e servizi, erogazione stipendi, remunerazione ai finanziatori e pagamento imposte e tasse”).

Gli investimenti effettuati, spiega ancora ferrovie, hanno puntato soprattutto a trasformare le stazioni in hub intermodali e ad accrescere la sicurezza di dipendenti e passeggeri. Obiettivo centrato, dato che “nel 2018 gli incidenti sulla rete ferroviaria nazionale sono diminuiti del 75% rispetto al 2008, con un 70% in meno di infortuni sul lavoro e un indice di incidenza inferiore del 50%”, fa sapere la società.

In questo frangente la società ha puntato anche sulla finanza sostenibile, diventando il primo operatore ferroviario in Europa ad emettere green bond per l’acquisto dei nuovi treni ad alta efficienza energetica e con percentuali di riciclabilità superiori al 90%. Lo scorso 5 luglio, la società è tornata sul mercato obbligazionario con un secondo green bond dal valore nominale di 700 milioni e durata di 7 anni. La domanda è stata pari a 3,5 volte l’offerta, per 2,5 miliardi di ordini.

Commenta