Condividi

FOTOGRAFIA – Festival Internazionale di Roma, Portrait XIII edizione

Da martedì 4 a mercoledì 26 novembre 2014, FOTOGRAFIA – Festival Internazionale di Roma, Portrait XIII edizione raggiungerà per la prima volta e ad ingresso gratuito gli spazi dell’Elsa Morante, dell’Aldo Fabrizi e del Gabriella Ferri offrendo esposizioni dedicate al tema di questa edizione, il ritratto, inteso non solo come classica tecnica rappresentativa.

FOTOGRAFIA – Festival Internazionale di Roma, Portrait XIII edizione

La XIII edizione di FOTOGRAFIA parte da MACRO, sua sede stabile, per irradiarsi in tutta la città. In linea con gli anni precedenti, il Festival conferma la sua vocazione a creare un circuito ”diffuso” e dedicato alla fotografia contemporanea e, dopo aver coinvolto accademie straniere e gallerie private, guarda ai centri culturali nella periferia di Roma, che oggi rappresentano poli artistici di nuove e vitali centralità urbane.

Dalla “enorme quadreria di ritratti” del Festival, in cui autori italiani e internazionali sono stati selezionati ciascuno da un diverso fotografo, curatore, critico o direttore di museo, spetterà a MOHAMED KEITA, FRANCESCO FRANCAVIGLIA, MARCO CIPRIANI e DANIELE MOLAJOI rappresentare il ruolo del ritratto e dimostrare come la fotografia, nelle sue diverse forme ed espressioni, sia profondamente legata all’identità passata e presente della città.



Le mostre: da martedì 4 a giovedì 13 novembre

CENTRO ELSA MORANTE – Inaugurazione il 4 novembre ore 11.00

Mohamed Keita, PIEDI, SCARPE, BAGAGLI

Una panchina. Un sacco. Una casa per un senza casa. Titolo Jabite Termini. È questa la prima foto di Mohamed Keita che segna il suo arrivo in Italia, nel 2010, dopo aver lasciato la Costa d’Avorio e attraversato il deserto passando dalla Libia. Un lungo viaggio durato tre anni. A Roma, dorme sul marciapiede di via Marsala. Quando a diciassette anni arriva a CivicoZero, centro diurno a bassa soglia di Save the Children, scopre la fotografia con una macchinetta usa e getta. Mohamed non parla italiano e i suoi scatti diventano un modo di conoscere, di comunicare, di mostrare una realtà.

Da sabato 8 a domenica 23 novembre

CENTRO GABRIELLA FERRI- Inaugurazione l’8 novembre ore 17.30

Daniele Molajoli, LA FOLLIA DI GIOVANNI

Nella periferia est di Roma c’è un container che in realtà è un ambulatorio che offre assistenza gratuita per chi di solito ne è escluso. Molajoli ci porta nella follia di Giovanni, nome che lo stesso Antonio Calabrò, medico al Fatebenefratelli, ha scelto per il suo presidio. Giovanni come quello del concilio vaticano, Giovanni come la chiesa di Don Bosco accanto al quale è posizionato il container. Attraverso il ritratto del piccolo container e del lavoro del medico siamo portati a immaginare i ritratti di tutti coloro che ne usufruiscono

Da martedì 18 a mercoledì 26 novembre

CENTRO ALDO FABRIZI – Inaugurazione il 18 novembre ore 11.00

Francesco Francaviglia, POETI DAL NERO

Francesco Francaviglia ci suggerisce che la fotografia e la poesia sono inviti inesauribili alla deduzione e alla fantasia. Questo sui ritratti dei poeti italiani è un lavoro che parte dalla città di Palermo, dove una cara amica del fotografo organizza eventi di poesia. Dal 2010 lavorano insieme ad un progetto fotografico che racconta i poeti siciliani.

Marco Cipriani, OPEN CITY

La Roma dei turisti in un gioco che oscilla tra realtà e finzione. È quel che emerge dal lavoro di Marco Cipriani: lui, romano, realizza un lavoro identitario sulla sua città, ma ha bisogno degli occhi dei turisti per entrare nel centro di Roma e rivederlo con una luce forte, estiva, piena. Non vuole romani, vuole stranieri, figure per il suo gioco “invaders”. E allora ecco gli open bus che girano come modelli su un plastico, mentre a terra sfilano donne e uomini sempre diversi. Sembra un grande gioco, ma è vita, continua, così come continuerà il lavoro di Marco in altre estati, appena il sole riaccenderà il gioco. Con la collaborazione di GQuadro

 

Il Festival Internazionale di Roma, posto sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana, è promosso e prodotto dall’Assessorato alla Cultura, Creatività e Promozione Artistica di Roma Capitale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali con Zètema Progetto Cultura e con la direzione artistica di Marco Delogu. Fino all’11 gennaio 2015

Commenta