Condividi

Fondazione Golinelli, successo per il primo appuntamento/maratona tra Arte e Libertà

E’ stato un successo per l’appuntamento promosso dalla Fondazione Golinelli a Bologna dove si è parlato di “arte e libertà”, un vera maratona che apre un dialogo tra scienza-arte e quel principio chiamato libertà – Tutto in un video

Fondazione Golinelli, successo per il primo appuntamento/maratona tra Arte e Libertà

Nel corso del pomeriggio-maratona di arte e scienza si è parlato dei gradi di libertà della mente umana e della libertà degli artisti, di come il cervello prende le decisioni, del perché l’adolescenza sia l’età in cui si può diventare più o meno liberi, del potere delle tecnologie digitali di renderci più liberi e di quello di limitare le nostre scelte, di arte e scienza come palestre di libertà, di come oggi in alcuni paesi si stia uccidendo la libertà.

L’evento, progettato e condotto da Giovanni Carrada e Cristiana Perrella, curatori della mostra, si è articolato in due sessioni dedicate rispettivamente a cervello e libertà e giovani e libertà, durante le quali scienziati, artisti e testimoni hanno dialogato col pubblico.



L’incontro,aperto al pubblico gratuitamente, ha visto una prima sessione dove sono intervenuti il neurologo Salvatore Aglioti, docente di Neuroscienze Cognitive e Sociali all’Università di Roma La Sapienza, studioso di neuroscienze esistenziali, Cesare Pietroiusti –  artista e medico con una specializzazione in clinica psichiatrica. E una seconda sessione con interventi del neurobiologo dell’apprendimento Antonio Malgaroli, dell’Università San Raffaele di Milano,  il sociologo dei media Marco Gui,  la giornalista e scrittrice Cristina Giudici che ha restituito al pubblico un racconto sui giovani islamisti italiani; mentre la giornalista Yasemin Taskin ha parlato del declino della democrazia in Turchia e del ruolo dei giovani e delle tecnologie digitali nelle proteste.

Maggiori informazioni nel video

Commenta