Condividi

Fondazione Cartier: la fotografia metafisica di Gaciela Iturbide in una mostra-ritratto

Fino al 29 maggio 2022, la Fondazione Cartier per l’arte contemporanea (Parigi) presenta “Heliotropo 37”, la prima grande mostra con oltre 200 opere (dal 1970 ad oggi) dedicata alla fotografa messicana Graciela Iturbide

Fondazione Cartier: la fotografia metafisica di Gaciela Iturbide in una mostra-ritratto

Graciela Iturbide è una figura importante della fotografia latinoamericana. Da oltre cinquant’anni ha creato immagini che oscillano tra un documentario approccio e uno sguardo poetico: “Ho cercato la sorpresa nell’ordinario, un ordinario che potrei trovare ovunque il mondo.” Se oggi è famosa per i suoi ritratti di indiani Seri nel deserto di Sonora e nelle donne di Juchitán, così come per il suo lavoro fotografico sugli antenati del Messico comunità e tradizioni, Graciela Iturbide porta anche a attenzione quasi spirituale ai paesaggi e agli oggetti. Questa mostra unica presenta i due lati di Graciela Iturbide, fornendoci così una prospettiva sul suo lavoro.

Graciela Iturbide – Fondation Cartier

Graciela Iturbide è stata introdotta alla fotografia nel Anni ’70 al fianco di Manuel Àlvarez Bravo (1902-2002). Lei seguì il primo nei suoi viaggi nei villaggi e popolari Festival messicani, dove lei lo guardava mentre cercava il posto giusto, in attesa che succeda qualcosa, praticamente invisibile, che non disturba nessuno, e poi la fotografia tutto ciò che lo interessava. La mostra presenta un gran numero di fotografie di persone che ha incontrato e oggetti su cui ha attirato la sua attenzione il corso dei suoi vari viaggi attraverso il Messico, ma anche in Germania, Spagna, Ecuador, Giappone, Stati Uniti, India, Madagascar, Argentina, Perù e Panama, tra gli anni ’70 e ’90. Tra le serie emblematiche di questo periodo ci sono Los que viven en la arena [Quelli che vivono nella sabbia, 1978] con cui Graciela Iturbide ha vissuto a lungo la comunità Seri nel deserto di Sonora nel nord-ovest del paese; Juchitán de las mujeres (1979-1989), devoto alle donne e alla cultura zapoteca, nella valle di Oaxaca Messico sud-orientale e la serie White Fence Gang (1986- 1989) incentrato sui cholos, bande di origine messicana a Los Angeles e Tijuana

Piuttosto che il realismo magico a lei ha spesso stato associato, Graciela Iturbide preferisce l’idea di un “tocco di poesia e fantasia” che spinge l’interpretazione documentaria ulteriormente e trova il opportunità di imparare e stupirsi attraverso i suoi vari viaggia in tutto il mondo: “La conoscenza è duplice: quando viaggi, scopri cose sia fuori che dentro te stesso, attraverso la tua solitudine”.

Khajuraho, India, 1998 – Silver gelantine print © Graciela Iturbide

Oltre alle fotografie che hanno reso famoso l’artista, la mostra Heliotropo 37 svela la sua recente fotografia produzione, finora poco presentata. Negli anni, Le immagini di Graciela Iturbide ne sono diventate prive presenza umana e la sua attenzione si è rivolta ai materiali e texture, rivelando il legame metafisico che li unisce l’artista agli oggetti, alla natura e agli animali. Alla fine degli anni ’90, Graciela Iturbide viaggiò attraverso la Louisiana e studiò i paesaggi desolati degli Stati Uniti meridionali Stati. Nel 2000 e nel 2010 ha continuato la sua ricerca di oggetti e simboli in India e in Italia, pubblicità fotografica cartelli, pile di scarpe e coltelli nelle vetrine dei negozi, staffette alberi che ondeggiano al vento e case abbandonate invase dalla vegetazione con vegetazione.

Nel 2021, su iniziativa della Fondation Cartier, Graciela Iturbide si recò a Tecali, un villaggio vicino a Puebla Messico dove vengono estratti e tagliati alabastro e onice. Un evento raro nella sua carriera, ha abbandonato il nero e bianco a favore della fotografia a colori per catturare il rosa e pietre bianche che vengono lucidate. I blocchi di alabastro su cui scritte e incisioni sono occasionalmente visibili, risaltano contro il cielo cristallino, come totem.

Immagine di copertina: Graciela Iturbide – Fondation Cartier. Paris © Julio Piatti

Commenta