Condividi

Eurogruppo, ultimatum ad Atene: agite entro il 18 ottobre

L’Eurogruppo ha concesso ad Atene solo altri dieci giorni per avviare le riforme previste nell’accordo di salvataggio – Sul tavolo privatizzazioni e riforma delle pensioni – Lagarde: “C’è ancora molto lavoro da fare”.

Eurogruppo, ultimatum ad Atene: agite entro il 18 ottobre

Per la Grecia il tempo stringe ed è il momento di agire sul serio. È questo il messaggio che l’Eurogruppo ha recapitato al governo di Atene, a cui sono stati concessi 10 giorni di tempo (entro la riunione dei capi di stato Ue a Bruxelles del 18 ottobre) per dimostrare di essere in grado di mettere in atto le riforme previste nell’accordo con Ue, Fmi e Bce e ottenere, così, la prossima tranche, da 31,5 miliardi, del prestito.

La Grecia dovrà far vedere di essere pronta soprattutto per quanto riguarda la riforma delle pensioni e le privatizzazioni. Christine Lagarde, direttore operativo dell’Fmi, ha espresso preoccupazione: “C’è ancora molto lavoro da fare”, aggiungendo, poi, che “Agire significa agire, non dire che si agirà”.



Commenta