Condividi

Edilizia e crediti, le insolvenze pesano anche con la ripresa

Nonostante un rimbalzo del 12% quest’anno e una crescita dello 0,5% nel 2022, le banche rimangono riluttanti a fornire credito al settore, distintosi per un livello persistentemente elevato di mancati pagamenti e fallimenti aziendali. Oltreoceano l’edilizia USA crescerà a una media annua di oltre il 6%, con l’ingegneria civile a rinnovare le infrastrutture

Edilizia e crediti, le insolvenze pesano anche con la ripresa

Dopo una contrazione del 6,6% nel 2020, Atradius prevede un rimbalzo di circa il 12% quest’anno per il comparto italiano di costruzioni e una crescita dello 0,5% nel 2022. Il fondo Next Generation EU sarà investito in grandi progetti nel rispetto della sostenibilità. Del fondo, 224 miliardi di euro sono assegnati all’Italia nel periodo 2021-2026, con circa il 50% destinato a progetti di costruzione.

Nei prossimi mesi, il forte aumento dei prezzi delle materie prime influenzerà negativamente la redditività delle imprese. Tuttavia, si prevede che i costruttori saranno sempre più in grado di trasferire prezzi più elevati per i materiali da costruzione ai clienti finali. Mentre le imprese di costruzione sono fortemente dipendenti dai prestiti, le banche rimangono generalmente riluttanti a fornire credito al settore, a causa degli elevati ritardi e inadempienze osservate negli ultimi due anni. I pagamenti nel settore delle costruzioni italiano richiedono in media ben 200 – 250 giorni. Sono le PMI, in particolare, a risentirne. Negli anni precedenti la pandemia, il settore italiano delle costruzioni si è distinto per un livello persistentemente elevato di mancati pagamenti e fallimenti aziendali, comprese le insolvenze di diversi tra gli attori più grandi. Grazie alle misure di stimolo legate alla pandemia, sia i ritardi di mancato pagamento che le insolvenze sono diminuiti nel biennio 2020-21. E non è previsto alcun aumento sostanziale nei prossimi mesi. 



Nonostante l’impennata della domanda e le prospettive favorevoli di insolvenza a breve termine, le debolezze strutturali continuano a incidere sulle prospettive di rischio di credito del settore. Tra queste, condizioni di prestito restrittive combinate con margini ristretti, incertezza sulla futura capacità di spesa degli enti pubblici e alti livelli di frequenza di default.

Oltreoceano, dopo una contrazione dell’1,9% nel 2020, si prevede che l’edilizia statunitense crescerà a una media annua di oltre il 6% sia quest’anno che il prossimo. L’edilizia residenziale è vivace vivaci, trainata dalla domanda di alloggi unifamiliari. E grazie agli ampi stimoli governativi, continua la robusta domanda di miglioramento e ristrutturazioni. Tuttavia, l’attività edilizia non residenziale rimane per il momento in sordina, a causa dei minori investimenti in uffici. Il settore dell’ingegneria civile potrebbe vedere una crescita significativa nel 2022 e oltre, a condizione che il Congresso approvi un grande disegno di legge sulle infrastrutture proposto dal governo. Un disegno di legge che mira a investimenti globali in infrastrutture obsolete, tra cui strade, autostrade, ponti, ferrovie e sviluppo della banda larga. 

La carenza di materiali e la volatilità dei prezzi dei fattori di produzione, in particolare per il legname, continueranno a pesare sul settore nel breve termine, ma dovrebbero diminuire nel 2022. Allo stesso tempo, la disponibilità di manodopera rappresenta un problema nel settore delle costruzioni USA, con le piccole imprese attualmente più suscettibili ai ritardi dei progetti innescati dalla carenza di forza lavoro. La mancanza di manodopera qualificata e l’invecchiamento della forza lavoro potrebbero ridurre la produzione potenziale di costruzioni nel medio termine. Negli ultimi dodici mesi, i margini di profitto delle imprese sono migliorati grazie all’aumento della domanda, alla forza delle catene di approvvigionamento e alla capacità di trasferire prezzi delle materie prime più elevati. I margini di profitto dovrebbero rimanere stabili nei prossimi mesi, dal momento che la domanda rimane robusta. Le prospettive positive offrono conforto alle banche per concedere prestiti all’industria, il che aumenta la resilienza del settore. Attualmente alcune grandi imprese di costruzione stanno assumendo più debiti per finanziare acquisizioni e aumentare la propria quota di mercato. 

I pagamenti nel settore delle costruzioni richiedono in media circa 60 giorni. Lo stato dei pagamenti è buono e si prevede che i mancati pagamenti diminuiranno nei prossimi mesi. Il contesto di insolvenza dovrebbe rimanere stabile, senza prevedere aumenti.

Commenta