Condividi

Dieselgate, Fca in pressing sulla California

Marchionne non vuol perdere tempo e oggi Fca incontro la temibile Agenzia dell’ambiente californiana (Carb) per dissipare le nubi sulle emissioni delle sue auto diesel e accelerare il negoziato per archiviare il caso con un compromesso accettabile

Dieselgate, Fca in pressing sulla California

Sergio Marchionne vuol cancellare il prima possibile l’ombra del Dieselgate su Fca e oggi il suo gruppo automobilistico si presenterà negli uffici dell’agguerritissima Agenzia dell’ambiente della California (Carb) per chiarire i problemi che hanno messo sotto accusa Fca da parte dell’Agenzia  federale Epa.

Lo scopo dell’incontro è preparare il terreno ad un negoziato che possa portare rapidamente a un compromesso accettabile sul caso ma l’Agenzia californiana, guidata da democratici in uno Stato democratico, è tosta e non mollerà la presa tanto facilmente, anche se Marchionne ha sempre respinto ogni accostamento alle vicende della Volkswagen sostenendo che per Fca non si tratta nemmeno lontanamente di frode ma, al massimo, di irregolarità amministrative e di comunicazione.



Tutta la vicenda sarà condizionata anche dal cambio di strategia che interverrà ai vertici dell’Epa, l’Agenzia nazionale dell’ambiente, dopo l’imminente insediamento di Donald Trump. Ma per Marchionne chiudere il prima possibile il caso con il minimo danno è anche l’indispensabile passaporto per accelerare la ricerca di una partnership, possibilmente con General Motors, di cui si parla sempre più frequentemente.

Commenta