Condividi

Banco BPM assiste Strukton Group con Costruzioni Linee Ferroviarie

Strukton è leader in Europa ed è particolarmente attiva nel campo dell’alta velocità ferroviaria. Grazie al supporto di Banco BPM, Strukton sale al 100% di Costruzioni Linee Ferroviarie. Il finanziamento ammonta a circa 35 milioni di euro.

Banco BPM assiste Strukton Group con Costruzioni Linee Ferroviarie

In questi giorni si è perfezionata, con il supporto di Banco BPM, l’operazione di acquisizione da parte del gruppo olandese Strukton del 40% del capitale di Costruzioni Linee Ferroviarie SpA (CLF), società con sede a Bologna, leader nel campo della progettazione, costruzione, manutenzione e rinnovamento delle linee ferroviarie e metrotranviarie.

Il finanziamento per l’acquisizione dell’operazione, curato da Banco BPM, ammonta a circa 35 milioni di euro, destinati in parte al pagamento del prezzo di acquisizione del 40% del CLF a favore del venditore Unieco Soc. Coop (società in liquidazione coatta amministrativa) e in parte al risanamento dell’indebitamento di CLF.

«L’acquisizione – afferma Enrico Peola amministratore delegato di CLF SpA – consentirà al gruppo Strukton di consolidare la sua presenza in Italia e a CLF, che nel 2017 ha realizzato un fatturato a livello consolidato di oltre 165 milioni di euro con 667 dipendenti, di crescere sui mercati esteri ed in particolare di esportare la propria tecnologia e il proprio know how in tutta Europa.»

Strutkon, appartenente al gruppo Oranjewound NV quotato alla borsa di Amsterdam, è operante a livello globale. E’ leader in Europa – con sedi in Olanda, Italia, Svezia, Norvegia, Danimarca e Belgio ed attività operativa negli USA, Australia, Cina e Middle East – e particolarmente attiva nel comparto dell’alta velocità ferroviaria, che rappresenta il principale mercato di sbocco di CLF.

«CLF opera in un settore chiave per lo sviluppo delle infrastrutture ferroviarie del nostro Paese -commenta Mattia Mastroianni, responsabile Origination Corporate di Banco BPM – L’armamento ferroviario, peraltro, è un comparto industriale in cui l’Italia vanta altri operatori di medie dimensioni con una presenza di rilievo in Europa, a testimonianza del valore espresso in molti casi su scala internazionale dal mid corporate italiano, mercato d’elezione per il nostro istituto».

Commenta