Azioni DiaSorin, quotazioni del titolo DIA in Borsa

Tutto quello che c’è da sapere per rimanere aggiornati sul mercato finanziario. Informazioni, andamento e grafico in tempo reale sulle quotazioni in borsa dei maggiori titoli sui listini mondiali.

Sito DiaSorin
Segmenti in cui opera DiaSorin

Codice ISIN: IT0003492391
Settore: Tecnologia sanitaria
Industria: Attrezzature mediche specifiche


Le azioni di DiaSorin sono quotate sul mercato italiano alla Borsa di Milano con il ticker DIA.

Guarda lo storico della quotazione del titolo alla Borsa di Milano

Descrizione Azienda

DiaSorin S.p.A. è un’azienda italiana che si occupa di tecnologia sanitaria. Opera nei settori dell’immunodiagnostica e della diagnostica molecolare. La società sviluppa, produce e commercializza test per la diagnosi che sono utilizzati dal mondo medico per approfondire i valori dei pazienti, comprenderne lo stato di salute o monitorare la progressione di patologie.

DiaSorin è a capo di un gruppo formato da 26 società e da 4 succursali estere. Produce i propri test in siti tra Europa e Stati Uniti.

La società, fondata nel 1968, è quotata dal luglio 2007 presso la Borsa Italiana dove è presente nell’indice FTSE MIB.

Le tecnologie d’immunodiagnostica e la diagnostica molecolare funzionano su piattaforme automatizzate che vengono sviluppate direttamente dall’azienda insieme ad altre aziende partner. Diasorin sviluppa la sua ricerca sulla creazione di kit per i laboratori nell’ambito della diagnostica molecolare, con focus particolare sulle malattie infettive rilevabili da sangue, liquido cerebrospinale, tamponi cutanei e muco cutanei.

I test DiaSorin sono in grado di rilevare nel campione prelevato dal paziente la presenza di uno specifico elemento, come virus, ormoni ecc., anche in minime quantità.

Le tecnologie sviluppate sono aperte all’interconnessione con piattaforme di altri operatori diagnostici.

Nel 2020 il fatturato è stato di 881,3 milioni di euro con un utile netto di 248,3 milioni di euro.

Ha circa 2.000 dipendenti. Il presidente è Gustavo Denegri e il CEO è Carlo Rosa.

Il suo slogan è «Diagnostics is for Life».

Approfondimento economico e finanziario dell’azienda

DiaSorin nasce nel 1968, quando in provincia di Vercelli viene fondata la “Sorin Biomedica” da parte della “Società Ricerche Impianti Nucleari – Sorin”. L’iniziativa era stata promossa da Fiat e da Montecatini. L’intento era quello, tramite i tecnici italiani formatisi negli Stati Uniti, di specializzarsi nello sviluppo di apparecchiature biomedicali per la diagnostica in vitro.

Cambia nome in Sorin Diagnostics e nel 1997, acquisisce negli Stati Uniti la Incstar Inc., azienda specializzata del settore. Successivamente scorpora le attività che riguardano la diagnostica nella società DiaSorin S.r.l. che poco dopo viene ceduta alla American Standard International.

La DiaSorin nasce ufficialmente nel 2000, attraverso un’operazione di management buyout guidata da Carlo Rosa e supportata da Gustavo Denegri. 
Il nome dell’azienda deriva dall’acronimo di Sorin “Società ricerche impianti nucleari” e Dia che sta per Diagnostica.

Nel 2001 acquisisce la BYC Sangtec e con essa i diritti per la piattaforma “Liaison”, basata sulla tecnologia della chemiluminescenza (CLIA). Questa piattaforma permette di analizzare i test diagnostici di specialità ad alta automazione, sia in modalità stand alone sia utilizzando sistemi di Laboratory Automation Systems prodotti da altre aziende. Nel 2008 acquisisce Biotrin, leader mondiale per il test Parvovirus, e da Eiken Chemical la licenza e l’uso della tecnologia “LAMP”, entrando così ufficialmente nel business molecolare.

Comincia ad aprire filiali in Cina, Messico, Israele e India.

Rileva nel 2010 Murex e i prodotti di Abbott Laboratories. Nel 2011 acquisisce NorDiag, specializzata nell’estrusione di acidi nucleici. Nel 2015 sigla un accordo di distribuzione commerciale con Beckman Coulter per la registrazione nel mercato statunitense dei test automatizzati per l’analisi delle epatiti e retrovirus. Nel 2016 rileva per 300 milioni dall’azienda Quest Diagnostic il ramo di immunodiagnostica e diagnostica molecolare di Focus Diagnostics con un centro ricerche e un impianto a Cypress, in California. Nel settembre 2017 la società rileva da Siemens Healthineers per 47,5 milioni il portafoglio di test Elisa per le malattie infettive.

Ha stretto nel 2017 una partnership con Qiagen per offrire una soluzione automatizzata per la diagnosi della tubercolosi latente. Nel 2018 sigla una partnership con Meridian per la distribuzione del test Helicobacter pylori in USA e Gran Bretagna e lo sviluppo di nuovi test del pannello gastro-intestinale.

Nel 2020 DiaSorin ha firmato un accordo di licenza esclusiva con Ttp per l’automazione di test diagnostici. A settembre 2020 DiaSorin e MeMed avviano una partnership strategica per lo sviluppo e la commercializzazione di una soluzione diagnostica basata sulla risposta immunitaria dei pazienti.

A febbraio 2021 Diasorin riceve l’approvazione alla commercializzazione dei test Liaison Lyme IgM e Liaison Lyme IgG da parte dell’Fda statunitense.

Una delle ultime operazioni è stata l’acquisto per un valore di 1,2 miliardi di Euro della società americana Luminex avvenuta ad aprile 2021.

Attualmente gli stabilimenti produttivi si trovano a Saluggia e Gerenzano in Italia, Dietzenbach in Germania, Stillwater e Cypress negli USA, Dartford nel Regno Unito.

Il team di ricerca è formato da circa 200 persone che si dedicano allo sviluppo di soluzioni per i test di specialità per il supporto a medici e responsabili di laboratorio al fine di elaborare le diagnosi di malattie anche molto particolari. I kit di analisi sono destinati ai settori di immunodiagnostica che riguardano le malattie infettive, infezioni gastrointestinali, metabolismo osseo e minerale, endocrinologia, ipertensione, oncologia, onco-ematologia, autoimmunità.

Al momento DiaSorin dispone di circa 120 test approvati per le analisi immunologiche.

La vendita dei prodotti nei vari mercati dove è presente viene gestita da società satelliti del gruppo DiaSorin. Nei paesi dove invece non vi è la vendita diretta, utilizza una rete internazionale di distributori indipendeti.

Diasorin, dove è presente, promuove attività anche a livello di sviluppo sociale soprattutto in PIemonte.

La società è quotata alla Borsa Italiana dal 2007 ed è presente nell’indice FTSE Italia Mid Cap dal 2018.

L’azionariato è composto da:

  • 57% Finde SS
  • 8,5% Carlo Rosa
  • 3% T.Rowe Price Associates, Inc.

Il resto pari al 31% circa è dato dal mercato azionario.

Le ultime notizie su DiaSorin

Carlo Rosa, Ceo di Diasorin

Diasorin vola in Borsa dopo conti 2021 migliori del previsto e le promozioni degli analisti

Grazie all’acquisizione di Luminex, Diasorin ha chiuso il bilancio 2021 con utili in crescita del 25% e ricavi in aumento del 40,4% – Titolo promosso a “buy” da Equita e Banca Akros

Covid variante omicron

Omicron: Diasorin lancia un nuovo test per la ricerca

Si tratta della nuova versione di un test già utilizzato e non serve a scopi diagnostici – Può essere eseguito direttamente su campioni raccolti tramite tampone

Piazza Affari

Omicron e l’inflazione spaventano le Borse nel giorno delle 4 streghe

Nel giorno delle scadenze tecniche (le 4 streghe) i mercati riducono nel finale le perdite iniziali ma la volatilità resta alta – Piazza Affari perde lo 0,6% e boccia il nuovo piano di Diasorin che lascia sul campo quasi l’11%

Carlo Rosa, Ceo di Diasorin

Diasorin svela il nuovo piano, ma il titolo cade in Borsa

Il fatturato ex-Covid è visto in crescita del 24% nel 2022, quello totale in calo del 2% – Ricavi Covid in flessione dai 370 milioni del 2021 a 150 milioni nel 2022 – Al via nuovi programmi nell’immunodiagnostica

Wall Street Borsa New York

Piazza Affari a un passo da quota 27 mila e Wall Street corre

La politica monetaria accomodante della Bce spinge le Borse del Sud Europa mentre Wall Street fa scintille malgrado il rallentamento del Pil americano