Condividi

Area Ocse: inflazione balza al 2,3%

E’ l’energia a trainare il balzo in avanti dei prezzi al consumo

Area Ocse: inflazione balza al 2,3%

L’inflazione nell’area Ocse è balzata al 2,3% annuo in gennaio, livello massimo dall’aprile 2012, trainata dal consistente aumento dei prezzi dell’energia. L’inflazione era all’1,8% in dicembre.

Nel dettaglio, i prezzi dell’energia sono aumentati dell’8,5% annuo (era +3,3% a dicembre), mentre quelli degli alimentari sono saliti dello 0,4% (da +0,2% il mese precedente). Al netto di alimentari ed energia l’inflazione si è rafforzata solo marginalmente, all’1,9% annuo dall’1,8% di dicembre.



Quanto ai singoli Paesi, l’inflazione si è attestata all’1,3% in Francia (da 0,6% in dicembre), al 2,1% in Canada (1,5%), all’1% in Italia (0,5%), al 2,5% negli Stati Uniti (2,1%), all’1,9% in Germania (1,7%), all’1,8% nel Regno Unito (1,6%) e allo 0,4% in Giappone (0,3%).

Per quanto riguarda l‘Eurozona l’inflazione è aumentata all’1,8% in gennaio dall’1,1% di dicembre (ma il dato e’ stabile allo 0,9% al netto di alimentari ed energia), mentre la stima flash di Eurostat per febbraio indica un’ulteriore crescita al 2% (ma il dato ‘core’ resta allo 0,9%)

Commenta