Condividi

Antiquariato, Borsino degli artisti, cinema e mostre su FIRST Arte

Un’intervista all’antiquario milanese Carlo Orsi, il debutto del Borsino degli artisti, l’ABiCinema del grande scherma e le nuove mostre, il design, la fotografia e tanto altro sul nuovo numero di FIRST Arte (www.arte.firstonline.info), il magazine di FIRSTonline

Antiquariato, Borsino degli artisti, cinema e mostre su FIRST Arte

Un’intervista esclusiva a Carlo Orsi, il famoso gallerista milanese e già presidente degli antiquari italiani, il nuovo Borsino degli artisti con la prima pagella di Giuseppe Uncini (l’Artista del Fare) e la terza puntata di ABìCinema sono il piatto forte del nuovo numero di FIRST Arte, il magazine di FIRSTonline dedicato al mondo e al mercato dell’arte e alla cultura come vera e propria vetrina sulla bellezza.

“L’antiquariato sta cambiando – racconta Orsi – e la clientela è senior e di nicchia ma si sta cominciando a registrare una certa curiosità anche da parte dei giovani. Il settore è in crescita, anche se ci sono mille ostacoli da superare”.

L’Artista del Fare, Giuseppe Uncini, è invece il primo protagonista del Borsino degli artisti, con cui FIRST Arte presenterà, volta a volta, i maggiori artisti e quelli emergenti e soprattutto ne segnalerà il valore di mercato delle loro opere, in base ai risultati delle ultime aste.

C come cinema è al centro della terza puntata di ABìCinema, il vademecum del grande schermo che vuol aiutare gli spettatori a conoscere gli attrezzi del mestiere.

Ma poi tanto altro sul nuovo numero di FIRST Arte: dalla Notte dei Musei, promossa dal Ministero dei Beni culturali  in tutta Italia e oggi tutti aperti al prezzo di un solo euro, al nuovo record di Basquiat all’asta del XX secolo, dalla mostra di Ellen Kooi a Madrid a quella di Eco e Narciso a Roma e alle personali di Tentolini e Gambino.

Da non perdere “Anche le statue muoiono”, l’ambizioso progetto di dialogo tra manufatti e reperti del passato e opere contemporanee di quattro musei e istituzioni culturali di Torino, avviato dalla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Museo Egizio di Torino e Musei Reali.

Commenta