Condividi

Utility, Terna è “World’s Best Employer 2021”

La classifica curata da Forbes e Statista è stata elaborata sulla base di un sondaggio online tra150mila lavoratori a livello globale

Utility, Terna è “World’s Best Employer 2021”

Terna guida la classifica mondiale delle utilities, posizionandosi al terzo posto tra le aziende italiane e al 55° come migliore datore di lavoro a livello globale. È quanto emerso dall’indagine svolta da Forbes, in collaborazione con la società di ricerca internazionale Statistica.

L’indagine ha coinvolto 150mila lavoratori full-time e part-time di 58 Paesi, chiamati, attraverso un sondaggio online, a valutare la loro disponibilità a raccomandare i propri datori di lavoro ad amici e familiari e a valutare altri datori di lavoro, nei rispettivi settori, che si sono distinti.



I risultati hanno dunque determinato il ranking delle 750 aziende che hanno ricevuto i punteggi più alti al mondo. Il gruppo guidato da Stefano Donnarumma ha lanciato una serie di progetti innovativi sul fronte dello smart working, accelerati dall’avvento della crisi pandemica: offrendo al proprio personale un nuovo modello di lavoro caratterizzato da un approccio ibrido, che permetta di svolgere le attività da remoto, ma all’interno di hub flessibili e digitalizzati.

Diverse anche le iniziative a sostegno anche della natalità e a supporto dell’occupazione femminile e dei giovani genitori che hanno la necessità di conciliare vita privata e lavoro. La più recente è l’inaugurazione di “MiniWatt”: il nuovo asilo aziendale, realizzato a Roma presso la sede centrale di Terna, che ospita fino a 23 bambini dai 6 ai 36 mesi.

Inoltre, la società dell’energia ha promosso iniziative di prevenzione sanitaria, ha lanciato nuove convenzioni per i servizi legati alla mobilità sostenibile ed ha recentemente inaugurato, presso la sede di Roma, la nuova area wellness aziendale: alle persone di Terna è assicurata un’offerta completa per il fitness e il benessere fisico all’interno di una palestra con macchinari di ultima generazione e personale qualificato.

Per quanto riguarda la transizione energetica, Terna prevede una crescita del 10% delle proprie risorse già nei primi tre anni del Piano Industriale. Insieme alla campagna di assunzioni avviata a inizio anno, l’azienda ha previsto 100 nuovi ingressi nell’ultimo trimestre del 2021, grazie anche all’avvio di numerose collaborazioni con i dipartimenti dell’area Stem (matematica, fisica, ingegneria, chimica) delle più importanti università italiane.

Commenta